L’economia rallenta, i timori del Fmi | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’economia rallenta, i timori del Fmi

Dall'inflazione troppo bassa al rallentamento del commercio internazionale, la ripresa appare ancora fragile

christine lagardeIl Fondo monetario internazionale (Fmi) ha fatto sapere, in vista del prossimo G20, che quasi certamente taglierà le stime di crescita globale per il 2016 a causa dei diversi indicatori che stanno mostrando un ulteriore rallentamento dell’economia. Dall’inflazione troppo bassa al commercio internazionale. In soldoni per il Fmi “i rischi al ribasso restano dominanti”, che tradotto significa la possibilità di fare i conti con un’espansione molto più ridotta del previsto. La ripresa, insomma, appare ancora fragile alla luce di un’inflazione che stenta a ripartire e di un’ulteriore flessione della spesa per investimenti.
Anche il Pil degli Stati Uniti è stato rivisto di recente leggermente al ribasso, con una crescita nel secondo trimestre pari all’1,1%, a fronte dell’1,2% stimato in precedenza. Già il Pil dell’Eurozona aveva registrato nel secondo trimestre una diminuzione rispetto al primo periodo dell’anno, passando così dal +0,6% al +0,3% (+1,6% su base annua).
Il problema resta la bassa inflazione: la crescita media dei prezzi al consumo ad agosto è stata dello 0,2% su base annua. In larga parte ciò è dovuto ai prezzi energetici, ma il dato risulterebbe addirittura in calo se scorporato dalle componenti più volatili quali energia e alimentari.
Dunque la cura espansiva della Bce (il quantitative easing) sembra non bastare e in alcuni casi, si pensi proprio all’Italia, i livelli dei prezzi al consumo risultano essere in deflazione (ad agosto si è registrato un calo dello 0,1% su base annua, condizione che può avere forti ripercussioni su consumi e occupazione).
Il rallentamento, ad ogni modo, è generalizzato. Secondo l’ultimo report dell’Ocse di fine agosto la crescita ha subito una brusca frenata in diversi paesi del G7 nel secondo trimestre, ma non nel Regno Unito non ancora alle prese (nel periodo considerato) con i primi effetti Brexit.
Il Pil dei paesi industrializzati è cresciuto dello 0,3% nel secondo trimestre, meno del precedente +0,4%. In Italia e Francia la crescita è nulla (con l’Istat che ha confermato la crescita zero del nostro paese nonostante gli spiragli positivi dovuti all’aumento del fatturato dei servizi). Anche la Germania è in leggero affanno, passando a +0,4% da +0,7%.

 

Scrivi una replica

News

Calcio, è morto Diego Armando Maradona

L’ex calciatore del Napoli e della nazionale argentina Diego Armando Maradona è morto a causa di un arresto cardiaco. Aveva 60 anni.…

25 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Violenza sulle donne, Mattarella: «Contrastare ogni forma di sopraffazione, di imposizione e di abuso»

«Spezzare la catena della violenza contro le donne significa contrastare ogni forma di sopraffazione, di imposizione e di abuso». Così il presidente della Repubblica, Sergio…

25 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Conte: «La scuola va riaperta appena possibile»

«La scuola va riaperta appena possibile». Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, intervenendo in occasione di una conferenza stampa a Palma di…

25 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa-Iran, Rohani auspica «nuovo cammino»

L’amministrazione Biden dovrà «compensare le politiche sbagliate» di quella precedente. È l’auspicio del presidente iraniano, Hassan Rohani, secondo il quale solo in questo caso «Teheran…

25 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia