Le riforme e il mercato del lavoro | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le riforme e il mercato del lavoro

La Banca centrale europea, nel bollettino mensile, sottolinea l’importanza delle riforme già introdotte in alcuni Paesi europei. Come il Jobs Act in Italia per esempio

ImpreseNell’ultimo bollettino mensile la Banca centrale europea, oltre a sottolineare i soliti rischi al ribasso che potrebbero contribuire negativamente alla ripresa economica dell’area, evidenzia il particolar modo i segnali positivi che giungono dal mercato del lavoro, con un occhio di riguardo al Jobs Act italiano e al dinamismo che ha generato nel nostro Paese.
In generale, nel secondo trimestre del 2016 l’Eurozona ha riportato un aumento congiunturale dell’occupazione dello 0,3%, con una crescita dell’1,4% tendenziale (l’incremento più forte dal 2008). A trainare i positivi risultati registrati sono state soprattutto le buone performance della Germania e della Spagna, che rappresentano, infatti, due terzi dell’aumento dell’occupazione nel periodo preso in considerazione.
Non a caso i due Paesi, appunto Germania e Spagna (che oltre a contribuire notevolmente al miglioramento del mercato del lavoro dell’Eurozona, hanno contribuito positivamente anche alla crescita del Pil), sono anche quelli che hanno avviato più riforme strutturali in questo senso.
Proprio per questo la Banca centrale europea ha promosso il Jobs Act italiano: la riforma introdotta nel 2015 “ha altresì contribuito al rinnovato dinamismo dell’occupazione nel paese negli ultimi trimestri”, contribuendo però solo in minima parte alla ripresa occupazionale dell’area.
Dalle note storiche dell’Istat si può infatti notare come da inizio anno le rilevazioni mensili abbiano sempre registrato aumenti per il numero degli occupati (eccezion fatta per febbraio, -0,3%, e luglio, -0,3%). Certo è, che per tornare ai livelli pre crisi ci vorrà ancora molto. Basti pensare che, secondo un’analisi di Unimpresa, tra il 2008 ed il 2015 l’Italia ha perso qualcosa come 625 mila posti di lavoro.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, principe di Svezia e sua moglie sono positivi

Il principe di Svezia, Carlo Filippo (41 anni) e sua moglie, sono risultati positivi al coronavirus. I contagi in Svezia continuano a salire e tra…

26 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Ue: «Decisione su sci è di competenza nazionale»

«La decisione sull’attività sciistica è di competenza nazionale, non europea. Occorre prudenza nel revocare le misure anti-Covid perché questo può provocare la recrudescenza del virus».…

26 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 60milioni di casi nel mondo

Sono 60.392.439 i casi di coronavirus accertati a livello globale dall’inizio della pandemia, con 1.421.308  decessi e 38.704.717 guariti. Lo ha reso noto la John…

26 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, negli Usa oltre 2400 morti nelle ultime 24 ore

Sono oltre 2400 le morti causate negli Usa nelle ultime 24 dal Covid. Si tratta del bilancio peggiore degli ultimi sei mesi. Il Paese ha…

26 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia