Il settore delle costruzioni non riparte | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il settore delle costruzioni non riparte

Secondo CRIF, i timidi segnali di ripresa del mercato immobiliare registrati ultimamente non sono sufficienti per un rilancio definitivo del comparto
di Redazione

Gli ultimi report di Unioncamere offrono un’ulteriore conferma sulle difficoltà (ancora attuali) del settore delle costruzioni. Secondo Movimprese – l’analisi di Unioncamere sulla natalità e la mortalità delle imprese italiane –, da gennaio a settembre del 2016, lo stock delle imprese registrate alle Camere di commercio è aumentato di 41.597 unità. Un numero in crescita rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (+2.227) e che è per oltre metà è riconducibile al contributo offerto da soli tre settori (turismo, commercio e servizi alle imprese).

costruzioni

Tuttavia la ricostruzione del tessuto imprenditoriale non sembra riguardare il settore delle costruzioni – a settembre, le imprese attive nel comparto erano 2.485 unità in meno rispetto all’inizio del 2016 – che vive ancora momenti di difficoltà, con ripercussioni inevitabili sul fronte occupazionale. Secondo il sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere in collaborazione con il ministero del Lavoro sulle assunzioni relative al 2016, il 20% delle imprese italiane con dipendenti ha assunto o assumerà nuovi lavoratori, con un recupero di oltre 6 punti rispetto al minimo storico del 2013. Anche in questo caso, però, la crescita non coinvolgerà le costruzioni: Unioncamere osserva che una delle maggiori riduzioni riguarda proprio l’edilizia, dove le assunzioni previste sono l’8% in meno rispetto allo scorso anno.
Le difficoltà incontrate dal comparto delle costruzioni negli ultimi anni sono ancora lontane dall’essere completamente superate: CRIF osserva che, nonostante i timidi segnali di ripresa registrati dal mercato immobiliare nell’ultimo periodo – dopo la crescita dello scorso anno (+6,5%), Nomisma stima che il numero delle compravendite residenziali dovrebbe crescere ulteriormente del 7,6% nel 2016 –, il rilancio definitivo del settore delle costruzioni è possibile soltanto attraverso un incremento delle risorse finanziarie necessarie alle imprese per supportare gli investimenti.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, la Francia anticipa il coprifuoco alle 18

Il virus continua a costringere i governi ad adottare misure più stringenti per contenere la pandemia: dopo la Cina, che ha imposto il lockdown in…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Paesi Bassi: si è dimesso il governo guidato da Rutte

Il governo olandese si è dimesso. Lo ha annunciato il premier Mark Rutte, in carica dal 2010. Fatale uno scandalo che ha coinvolto circa 20mila…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, misure più dure per entrare in Belgio dai Paesi extra Ue

Il Belgio, a causa del protrarsi della pandemia, ha inasprito le regole per l’ingresso dai Paesi extra Ue, incluso il Regno Uniti.  In concreto, ai…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Berlino: «Prendere molto sul serio la mutazione del virus»

«Il governo osserva con grande attenzione gli effetti della mutazione del Covid, che si è diffusa in Gran Bretagna e Irlanda, e anche i Laender…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia