Lavoro, Istat: “Retribuzioni ferme a settembre” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro, Istat: “Retribuzioni ferme a settembre”

“Alla fine di settembre 2016 i contratti collettivi nazionali di lavoro in vigore per la parte economica riguardano il 31,8% degli occupati dipendenti e corrispondono al 30,6% del monte retributivo osservato”. Lo rende noto l’ISTAT, l’Istituto nazionale di statistica, attraverso la diffusione di un comunicato stampa.
“La quota dei dipendenti in attesa di rinnovo per l’insieme dell’economia – prosegue la nota – è pari al 68,2%, invariata rispetto al mese precedente. L’attesa del rinnovo per i lavoratori con il contratto scaduto è in media di 40,2 mesi. L’attesa media calcolata sul totale dei dipendenti è di 27,4 mesi, in sensibile crescita rispetto a una anno prima (21,8).
Nello stesso mese l’indice delle retribuzioni contrattuali orarie rimane invariato rispetto al mese precedente e aumenta dello 0,6% nei confronti di settembre 2015. Complessivamente, nei primi nove mesi del 2016 la retribuzione oraria media è cresciuta dello 0,7% rispetto al corrispondente periodo del 2015.
Con riferimento ai principali macrosettori, a settembre le retribuzioni contrattuali orarie registrano un incremento tendenziale dello 0,7% per i dipendenti del settore privato (0,3% nell’industria e 1,3% nei servizi privati) e una variazione nulla per quelli della pubblica amministrazione.
I settori che presentano gli incrementi tendenziali maggiori sono: commercio (2,0%); trasporti, servizi postali e attività connesse (1,9%); energia elettrica e gas (1,4%) Si registrano variazioni nulle nei settori dell’agricoltura; del legno, carta e stampa; della metalmeccanica; dei servizi di informazione e comunicazione; delle telecomunicazioni e in tutti i comparti della pubblica amministrazione. Inoltre, si registra una variazione negativa dello 0,5% nel settore dell’acqua e servizi di smaltimento rifiuti.
Tra i contratti monitorati dall’indagine, nel mese di settembre nessun accordo è stato recepito e nessuno è venuto a scadenza. Complessivamente – conclude l’ISTAT – i contratti in attesa di rinnovo sono 49 (di cui 15 appartenenti alla pubblica amministrazione) relativi a circa 8,8 milioni di dipendenti (di cui circa 2,9 milioni nel pubblico impiego)”.

 

Scrivi una replica

News

Iohannis ritira candidatura, Rutte prossimo segretario generale Nato

Con il ritiro della candidatura da parte del presidente della Romania, Klaus Iohannis, sembra ormai sicura la successione di Mark Rutte a Jens Stoltenberg alla…

20 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

UE a Hezbollah: «Minacce a Cipro sono minacce a tutta l’Unione»

«Cipro è uno Stato membro dell’UE, ogni minaccia a Cipro è una minaccia a tutta l’Unione europea». Così il portavoce del Servizio di azione esterna…

20 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, il leader del Cremlino Putin in visita ad Hanoi

L’indomani della visita in Corea del Nord in cui Vladimir Putin e Kim Jong-un hanno siglato un accordo di cooperazione strategica, il presidente russo si…

20 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

In Italia uno dei tassi di fecondità più bassi dell’area Ocse

Nell’area dei Paesi Ocse, il tasso di fecondità totale «più basso si registra in Italia e in Spagna, con 1,2 figli per donna e più,…

20 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia