Come cambiano le abitudini a tavola | T-Mag | il magazine di Tecnè

Come cambiano le abitudini a tavola

Tornano le differenze di ceto. Nel periodo 2007-2015 la spesa che le famiglie italiane dedicano all’alimentazione è diminuita del 12,2%. L'indagine del Censis
di Silvia Capone

Secondo i dati del Censis, nel periodo 2007-2015 la spesa che le famiglie italiane dedicano all’alimentazione è diminuita del 12,2% in termini reali, il calo ha interessato maggiormente le famiglie a basso reddito che hanno ridotto i consumi per alimenti del 19,4%. In generale lo studio mette in evidenza che 16,6 milioni di italiani hanno ridotto il consumo di carne, 10,6 milioni il consumo di pesce e 3,5 di frutta e verdura.

pasta

Nel dettaglio si rileva che sono le famiglie meno abbienti a ridurre maggiormente i consumi per alimenti, dopo aver tagliato già la spesa per vacanze, regali e cene fuori, in quanto il 45,8% di esse hanno ridotto il consumo di carne contro il 32% delle famiglie benestanti. Il gap si presenta per tutti quegli alimenti base e tipici della dieta mediterranea come appunto pesce, per cui è diminuita la spesa per il 35,8% delle famiglie a basso reddito contro il 12,6% di quelle più ricche, e la verdura il cui consumo per le prime famiglie considerate si è ridotto del 15,9% mentre solo del 4,4% per quelle ad alto reddito. In sostituzione a questi alimenti base si preferiscono cibi precotti, già pronti e alimenti più convenienti ma meno nutrienti.
Le differenze che si riscontrano nei carrelli delle famiglie italiane fanno riemergere un problema precedente al boom economico, quello che oggi è definito food social gap, ovvero si va ad ampliare la forbice di spesa dedicata all’alimentazione tre le famiglie abbienti e quelle a basso reddito. Quindi le differenze sociali vengono a manifestarsi anche e soprattutto a tavola come succedeva quando mangiare la carne tutti i giorni era considerato un lusso. A livello europeo solo i greci hanno ridotto più degli italiani la spesa pro capite per carne nel periodo tra il 2007 e il 2015, scesa da noi del 23%.
La preferenza per cibi con un basso contenuto nutrizionale, ma nettamente più economici, ha ripercussioni inevitabili anche sulla salute degli italiani che rischiano così patologie legate alla malnutrizione (quindi non solo alla sotto nutrizione), come l’obesità, che secondo i dati si riscontra maggiormente nelle famiglie con un basso reddito.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Fauci: «La mancanza di sincerità e di fatti è costata vite umane»

«La mancanza di sincerità e di fatti sul fronte della pandemia è costata molto probabilmente vite umane». Lo ha detto il virologo statunitense, Anthony Fauci,…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Recovery Fund, Conte: «Ha una valenza trasformativa per il Paese»

«Questo piano ha una valenza trasformativa per il Paese». Lo avrebbe detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al termine dell’incontro con i sindacati sul…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Bankitalia: «Nel 2020 è cresciuta notevolmente la quota di imprese che usano lo smart working»

Nel 2020, complici le misure restrittive introdotte a causa dell’emergenza sanitaria, la quota delle imprese che hanno fatto ricorso allo smart working è cresciuta in…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’indice Rt è sceso a 0,97 dopo cinque settimane in aumento

Nel periodo compreso tra il 30 dicembre 2020 e il 12 gennaio 2021, l’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,97 (range 0,85-1,11),…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia