I lavoratori a basso reddito nell’UE | T-Mag | il magazine di Tecnè

I lavoratori a basso reddito nell’UE

Le donne, i giovani e chi possiede un basso titolo di studio hanno maggiori possibilità di rientrare nella categoria
di Redazione

L’Eurostat rileva che in Italia la quota di lavoratori a basso reddito è inferiore alla media registrata nell’Unione europea e nella zona euro. Ma il dato è influenzato dalla soglia al di sotto della quale un lavoratore è considerato a basso reddito e che varia da Paese a Paese.

lavoro

In Italia – i dati del report dell’Eurostat sono relativi al 2014 –, i lavoratori a basso reddito sono il 9,4% del totale. Una quota più bassa rispetto alla media europea (nell’UE è al 17,2%) e a quella registrata nelle principali economie europee. Tra i Paesi della zona euro, in particolare, percentuali più basse sono state rilevate soltanto in Francia, dove i lavoratori a basso reddito sono l’8,8% del totale, Finlandia (5,3%) e Belgio (3,8%). Nell’Eurozona, più in generale, la media è del 15,9%.
Mentre l’elenco dei Paesi, dove i lavoratori a basso reddito sono più numerosi, include la Lettonia (25,5%), la Romania (24,4%), la Lituania (24%), la Polonia (23,6%), la Germania (22,5%), l’Irlanda (21,6%) e il Regno Unito (21,3%).
Tuttavia l’Eurostat osserva che le notevoli differenze, esistenti tra le diverse economie, sono dovute alla soglia al di sotto della quale un lavoratore viene considerato a basso reddito. Soglia che varia da Paese a Paese.
In Italia, i lavoratori a basso reddito sono considerati tali perché percepiscono una paga oraria inferiore agli 8,3 euro. In Francia e in Germania la soglia sale rispettivamente a 10 e 10,5 euro, pur restando al di sotto di quella irlandese (13,4 euro), olandese (10,7 euro) e danese (17 euro orari). Soglie molto basse in Bulgaria (1,1 euro all’ora), Romania (1,4 euro), Portogallo (3,4), Slovacchia (2,9), Lettonia e Lituania (2,2).
Dal report emerge che esistono importanti differenze a seconda del genere (nell’UE il 21,1% delle donne è a basso reddito contro il 13,5% dei colleghi uomini), dell’età (il 30,1% dei lavoratori under 30 è a basso reddito mentre fra gli occupati d’età compresa tra i 30 e i 59 anni lo sono il 14%) e dall’istruzione ricevuta: più è alto il titolo di studio che si possiede, maggiori sono le possibilità di guadagnare più della media nazionale.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 177,1 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 177.124.860. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

17 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Hong Kong, arrestati dirigenti giornale Apple Daily

Il Dipartimento di sicurezza della polizia di Hong Kong ha fatto irruzione questa mattina negli uffici dell’Apple Daily, tabloid pro-democrazia del tycoon Jimmy Lai. Nel…

17 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina: «Laboratorio di Wuhan merita premio per la pace»

«L’Istituto di Virologia di Wuhan, sempre al centro dei sospetti sull’origine del Covid-19, meriterebbe il Nobel per la Medicina». Lo ha detto il portavoce del…

17 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nigeria, anche Boko Haram conferma la morte del leader

Boko Haram, gruppo jihadista nigeriano, ha confermato la morte del proprio storico leader Abubakar Shekau deceduto in combattimento contro il gruppo rivale “Provincia occidentale dello…

17 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia