Lavoro e povertà, così l’Ue nel 2016 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro e povertà, così l’Ue nel 2016

Nel 2016 creati circa tre milioni di posti di lavoro, ma l'8,3% dei cittadini europei è ancora disoccupato
di Redazione

Nonostante gli allarmi, anche recenti, c’è da dire che la situazione socioeconomica dell’Europa è migliorata rispetto a qualche anno fa. Il lavoro è in crescita, con i livelli occupazionali tornati su valori soddisfacenti. E la povertà, di conseguenza, risulta in calo. Ciò non significa, tuttavia, che non manchino le criticità.

construction-709487_1920

Dall’ultimo rapporto su occupazione e sviluppi sociali – Employment and Social Developments in Europe (Esde) – della Commissione Europea emerge come quest’anno siano stati creati circa tre milioni di posti di lavoro nell’Unione, la maggior parte dei quali a tempo indeterminato. In questo modo l’occupazione è aumentata, su valori record, di 232 milioni di posti.
Ed è proprio questo aspetto a contribuire ad una diminuzione della povertà: la percentuale della popolazione dell’Ue a rischio di povertà o di esclusione sociale (pari al 23,7%) è la più bassa degli ultimi cinque anni, ma sono da segnalare residui sparsi per l’intero territorio. Quello è infatti il dato medio, mentre l’Italia – ad esempio – presenta una soglia superiore, al 28,7%.
Le principali lacune riguardano l’8,3% dei cittadini europei che è disoccupato (ottobre 2016) e in tre anni solo un disoccupato su otto è riuscito a ottenere un impiego stabile a tempo pieno. In più preoccupa sempre l’annosa questione della disoccupazione giovanile, che si attesta su livelli oltre il 20%.
Il rapporto si concentra su diversi aspetti che riguardano il mondo del lavoro. Si passa dall’integrazione dei rifugiati, spesso alle prese con difficoltà linguistiche e necessità di sviluppare competenze (per cui si richiede un maggiore sforzo in termini di investimenti) alla digitalizzazione dell’economia, che muta lo scenario lavorativo e i processi produttivi. In questo caso c’è bisogno di incrementare le conoscenze in quanto molti dei posti disponibili restano vacanti per mancanza di requisiti, mentre segmenti quali l’economia on demand o la sharing economy rappresentano nuove forme di opportunità, soprattutto per il lavoro autonomo.
In generale emerge un quadro in chiaroscuro, esaltato in particolare dalle differenze che si registrano. I salari restano bassi in molti paesi Ue. A tale proposito Eurostat rileva che nel terzo trimestre, per l’Eurozona e per l’Ue28, il costo orario del lavoro è cresciuto rispettivamente dell’1,5% e dell’1,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, mentre in Italia è diminuito dello 0,5%, a ritmi inferiori rispetto al -1,1% del trimestre precedente. Ma da noi, a scendere, è principalmente la componente non salariale (-1,7%), mentre gli stipendi rimangono fermi.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, quarantena e tampone obbligatori per chi viene in Italia dal Regno Unito

Quarantena obbligatoria di 5 giorni con obbligo di tampone per chi arriva in Italia dal Regno Unito. Lo prevede un’ordinanza firmata dal ministro della Salute,…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spagna, dal 26 giugno via obbligo mascherine all’aperto

Anche la Spagna, come la Francia alcuni giorni fa, ha annunciato che a breve toglierà l’obbligo di mascherina all’aperto. A riferirlo il premier Pedro Sanchez,…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, Trump: «Deciderò se ricandidarmi dopo elezioni midterm»

L’ex presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è tornato a parlare non escludendo una sua ricandidatura nel 2024, ipotesi di cui si discute da tempo.…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Novara, sindacalista muore investito da un camion durante una manifestazione

Adil Belakhdim, 37 anni, coordinatore interregionale dei SiCobas, è morto questa mattina investito da un camion. L’episodio è avvenuto davanti ai cancelli della Lidl di…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia