Siria, Gabriel: “Bisogna trovare i responsabili dell’attacco” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Siria, Gabriel: “Bisogna trovare i responsabili dell’attacco”

“Tutti chiediamo una riunione del Consiglio di Sicurezza dell’Onu perché dobbiamo vedere chi è il responsabile dell’attacco chimico di martedì 4 aprile in Siria, come fare per fermare questo tipo di crimini di guerra e fare tutto il possibile per portare i responsabili davanti ad una Corte internazionale perché quello commesso ieri è il più maledetto dei crimini di guerra”. Lo ha affermato il ministro degli Esteri tedesco, Sigmar Gabriel, in occasione del suo arrivo all Conferenza internazionale per il supporto al futuro della Siria.

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, rinviato il viaggio a Pechino del segretario di Stato Blinken

Il viaggio a Pechino del segretario di Stato statunitense, Antony Blinken, è stato posticipato. Lo riporta l’agenzia Bloomberg, sottolineando che il rinvio è stato deciso…

3 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Michel: «L’Ucraina è l’Europa e l’Europa è Ucraina»

«L’Ucraina è l’Europa e l’Europa è l’Ucraina. Non siamo intimiditi dal Cremlino e non lo saremo». Così il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, intervenendo…

3 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Zelensky: «L’Ue sosterrà il nostro piano di pace»

«Nel corso dei nostri negoziati oggi abbiamo discusso l’attuazione del nostro piano di pace, che l’Ue sosterrà, perché è l’unico progetto comprensivo per recuperare l’architettura…

3 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Donbass non ancora protetto, operazione speciale continua»

«Il Donbass non è ancora completamente protetto, quindi l’operazione militare speciale continua». A ribadirlo è stato il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, secondo quanto riferito…

3 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia