I posti di lavoro a rischio automazione | T-Mag | il magazine di Tecnè

I posti di lavoro a rischio automazione

Sono diversi e Unioncamere ha provato a stimare quanti saranno dal 2018 al 2022
di Redazione

Ogni rivoluzione porta con sé delle incertezze. Quella in atto nel mondo del lavoro, con l’impiego di nuove tecnologie, con l’automazione dei processi produttivi, l’impiego di robot e intelligenze artificiali, non rappresenta un’eccezione. Un report curato da Unioncamere e Anap stima che nei prossimi cinque anni (anche grazie al turn over) in Italia si avrà bisogno di almeno 2,5 lavoratori, dipendenti o autonomi. L’automazione, però, ne metterà a rischio molti altri, che saranno sostituiti da una applicazione, da un robot o da un algoritmo.

Lo studio ha provato a quantificarne il numero, basandosi sui dati contenuti in un dossier dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo economico (Ocse) dedicato all’Italia, in cui si stima la percentuale di occupazione «a rischio» per i diversi profili professionali. Ecco con quali risultati. In un arco di tempo abbastanza breve, che va dal 2018 al 2022, potrebbero essere almeno 300mila, pari al 12% dei 2,5 milioni che andranno creati, dicono Unioncamere e Anap.
Alcuni comparti sono considerati più a rischio di altri, ovviamente: secondo lo studio, le più colpite saranno le professioni non qualificate nelle attività commerciali, i negozi, la ristorazione e la ricettività, ma anche quelli in cui il “made in Italy” va forte (alimentare, moda e mobili).
C’è anche un altro aspetto da considerare: attualmente risulta difficilissimo poter quantificare quanti posti di lavoro potranno essere creati nei prossimi anni. Il perché è presto detto: le ricerche condotte oggigiorno considerano i lavori attuali, tralasciando i nuovi mestieri che potrebbero nascere in futuro, grazie proprio all’innovazione tecnologica. Un recente studio realizzato dal WEF, il World Economic Forum, sostiene che il 65% dei bambini che oggi frequentano le scuole elementari da adulto farà un mestiere che ad ora non esiste. Ciò è accaduto anche in passato, ma con una differenza sostanziale: le precedenti rivoluzioni industriali si sono sviluppate più lentamente rispetto alla velocità con cui riusciamo ad introdurre oggi le nuove tecnologie.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Di Maio: «Il 16 maggio credo sia una data auspicabile per superare il coprifuoco»

«Credo sia una data auspicabile per superare il coprifuoco». Così il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, riferendosi al 16 maggio, nel corso di un…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cultura, Vibo Valentia è la “Capitale italiana del Libro 2021”

Vibo Valentia è la “Capitale italiana del Libro 2021”. Lo ha annunciato il presidente della Giuria, Romano Montroni, comunicandolo al ministro della Cultura, Dario Franceschini,…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Vaccini, Erdogan: «Scienza è bene comune dell’umanità»

«La scienza è un bene comune dell’umanità, non devono esserci gelosie. Quando sarà pronto, la Turchia condividerà con tutti il suo vaccino contro il Covid-19».…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 414mila nuovi casi in 24 ore in India

Sono stati 414 mila i nuovi casi di coronavirus registrati in India, dove purtroppo ci sono state anche 3.914 decessi.…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia