Come i diciottenni hanno speso il bonus cultura | T-Mag | il magazine di Tecnè

Come i diciottenni hanno speso il bonus cultura

I libri vanno per la maggiore. Segue la musica dall'acquisto di cd all'abbonamento a Spotify, fino ai concerti
di Redazione

Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali, Alberto Bonisoli, ha firmato il Decreto attuativo che estende il bonus cultura erogato a tutti i diciottenni italiani, per un ulteriore anno, dopo l’approvazione del Consiglio di Stato che il 15 giugno di quest’anno aveva stabilito che per finanziare il bonus nel 2018 e nel 2019 sarebbe servita una legge apposita. Il bonus quest’anno previsto per i nati nel 2000, dà la possibilità a tutti coloro che nel 2018 hanno compiuto, o dovranno compiere, 18 anni di ottenere il buono da spendere in prodotti culturali tramite l’iscrizione alla piattaforma 18app.it entro il 30 giugno 2019 e spendere i 500 euro del buono entro il 31 dicembre dello stesso anno.

Gli ultimi dati resi noti dalla piattaforma e relativi al periodo tra il 19 settembre 2017 e il 30 giugno 2018, i neo maggiorenni iscritti sono stati 417 mila, 5.346 esercenti aderenti per una spesa complessiva di 110 milioni di euro. Il bonus dei ragazzi è stato speso in misura maggiore per libri, voce per cui sono stati registrati acquisti quasi per 72 milioni ovvero il 66% del totale, a seguire 13,7 milioni per la sezione musica – inserita nella seconda edizione di 18app -, quindi cd, l’abbonamento a Spotify, 11 milioni e mezzo per concerti, 9,6 milioni di euro per il cinema, un milione e mezzo in formazione, poco più di 1 milione per teatro e danza, 490 mila euro in eventi culturali e 396 mila per i musei.

L’ultimo confronto effettuato dal Mibact con i dati aggiornati a fine 2017, mostra che nelle prime dieci settimane della seconda edizione, oltre ad essere aumentati gli ambiti di spesa, cresce anche il numero di maggiorenni accreditati, +8%, mentre raddoppia la spesa, che registra un aumento del 97%, corrispondente ad una spesa di oltre 15,4 milioni di euro.

In generale, secondo i dati del ministero, in poco più di un anno, dal 3 novembre 2016 al 30 novembre 2017, quasi 600 mila diciottenni hanno speso oltre 163 milioni di euro di bonus cultura per comprare prodotti culturali acquistati, nel 54% dei casi online. La divisione della spesa è simile a quella dell’ultimo anno: più dell’80% del totale nei due anni del bonus cultura ha riguardato i libri, 98% cartacei e il 2% di ebook, seguono concerti e musica, che insieme rappresentano oltre il 10% della spesa, e cinema con il 7% del valore complessivo.

 

Scrivi una replica

News

Migranti, von der Leyen: «Proponiamo soluzione per ricostruire la fiducia fra Stati membri»

«Oggi proponiamo una soluzione europea per ricostruire la fiducia tra Stati membri e per ripristinare la fiducia dei cittadini nella nostra capacità di gestire come…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, la Commissione europea ha presentato un nuovo piano per la gestione dei migranti

No a trasferimenti obbligatori di migranti sbarcati nelle coste UE verso altri paesi dell’Unione, ma un «sistema comune» di rimpatri con una maggiore cooperazione con…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’Ilo: «Entro la fine del 2020 potrebbero esserci 25 milioni di disoccupati in più a livello mondiale»

Entro la fine del 2020, a causa della pandemia, a livello mondiale potrebbero esserci venticinque milioni di disoccupati in più, che andrebbero a sommarsi ai…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, al via la terza fase di sperimentazione per il vaccino della Johnson&Johnson

Il vaccino contro il coronavirus sviluppato dalla Johnson&Johnson, il primo a iniezione singola, è entrato nella terza fase di sperimentazione. Negli Stati Uniti, è il…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia