Istat: «Inflazione allo 0,9% a gennaio» | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat: «Inflazione allo 0,9% a gennaio»

«Secondo le stime preliminari, nel mese di gennaio 2019 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registra un aumento dello 0,1% su base mensile e dello 0,9% su base annua (da +1,1% registrato nel mese precedente). Il rallentamento dell’inflazione a gennaio è imputabile prevalentemente alla decelerazione dei prezzi dei Beni energetici sia nella componente regolamentata (da +10,7% di dicembre a +6,9%) sia in quella non regolamentata (da +2,6% a +0,3%); tale dinamica è stata in parte mitigata dall’accelerazione dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti, che passano da +0,6% a +2,3%, e in misura minore dei Beni alimentari non lavorati (da +1,3% a +1,8%). L’“inflazione di fondo”, al netto degli energetici e degli alimentari freschi, decelera da +0,6% registrato nel mese precedente a +0,5%, mentre quella al netto dei soli beni energetici rimane stabile a +0,6%. Il lieve aumento su base congiunturale dell’indice generale (+0,1%) è dovuto principalmente all’aumento dei prezzi dei Beni alimentari non lavorati (+1,3%), quasi completamente bilanciato dal calo dei prezzi dei Beni energetici non regolamentati (-1,2%) e dei Servizi relativi ai trasporti (-1,4%), quest’ultimo per lo più dovuto a fattori di carattere stagionale. Rispetto a gennaio 2018 l’inflazione rallenta in modo marcato per i beni (da +1,2% a +0,6%), mentre i servizi rimangono stabili a +1,1%; rispetto al mese di dicembre il differenziale inflazionistico tra servizi e beni diventa positivo e pari a +0,5 punti percentuali (era -0,1 punti percentuali nel mese precedente). L’inflazione acquisita per il 2019 è +0,1% per l’indice generale e -0,3% per la componente di fondo. Rallenta la crescita dei prezzi dei prodotti di largo consumo: per i Beni alimentari, per la cura della casa e della persona passa da +0,7% a +0,5%, per i prodotti ad alta frequenza d’acquisto da +1,2% a +0,7% (portandosi anch’essa al di sotto dell’inflazione generale). Secondo le stime preliminari, l’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) diminuisce dell’1,7% su base mensile, per effetto dei saldi invernali dell’abbigliamento e calzature, di cui l’indice NIC non tiene conto. L’IPCA aumenta dello 0,9% su base annua, in rallentamento da +1,2% del mese precedente». Lo ha reso noto l’Istat nella nota Prezzi al consumo.

 

Scrivi una replica

News

Gas, le riserve di gas in Italia sono piene al 75,38%

Secondo quanto reso noto da Gas Infrastructure Europe (GIE) le riserve di gas in Italia sono piene al 75,38%, contro il 72,4% della media europea.…

10 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

M5s, Conte: «Andremo da soli al voto, perché così ha deciso il Partito democratico»

«Andrà così perché hanno deciso così sin dall’inizio in modo del tutto irrazionale i vertici del Pd. Lo hanno fatto dando anche uno schiaffo agli…

10 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, inflazione all’8,5% a luglio

A luglio l’inflazione degli Stati Uniti si è attestata all’8,5%, contro l’8,7% previsto dagli analisti e il 9,1% di giugno.…

10 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Domino’s ha chiuso i locali in Italia

La nota catena di piazza all’americana, Domino’s, ha chiuso gli ultimi punti vendita rimasti in Italia. Il piano prevedeva l’apertura di 880 negozi entro il…

10 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia