Consumi in affanno, ma non il commercio elettronico | T-Mag | il magazine di Tecnè

Consumi in affanno, ma non il commercio elettronico

In un contesto di diminuzione generale per le vendite al dettaglio, gli acquisti online sono l’unica voce davvero in crescita

di Redazione

I consumi non sono andati granché nel 2018. Proprio allo scadere d’anno, abbiamo visto recentemente con le ultime diffusioni dell’Istat, si è registrata, sia per il valore che per il volume, una diminuzione dello 0,7% rispetto al mese precedente delle vendite al dettaglio. Variazione negativa che su base annua diventa dello 0,6% in valore e dello 0,5% in volume. Nella media dell’anno, il valore delle vendite è cresciuto di appena lo 0,2%. Un andamento che se escludiamo la grande distribuzione (di poco, comunque), ha visto in difficoltà soprattutto le piccole superfici. Eppure c’è un segmento che mostra trend al rialzo interessanti e tutt’altro che trascurabili: il commercio elettronico.

Il settore dell’e-commerce, rileva l’Istat, ha evidenziato un aumento del 12,1%. Un dato che stupisce? No, in verità. O almeno non più, ormai. Secondo il Rapporto Italia 2019 dell’Eurispes, infatti, oltre la metà degli italiani acquista prodotti on line (52,9%). Nello specifico, il 24,8% lo fa «qualche volta», quasi uno su quattro «spesso» (18%), uno su dieci «abitualmente» (10,1%). C’è tuttavia un 31,4% che non acquista mai online e un 15,7% che lo fa «raramente». Gli uomini hano una propensione all’acquisto online maggiore rispetto alle donne (57,1% contro il 48,6%). Al primo posto l’acquisto di biglietti ferroviari e aerei (75,4%), seguiti dai capi di abbigliamento (63,4%), dalle apparecchiature tecnologiche (61,6%) e da viaggi e vacanze (53,7%).

La metà del campione rinuncia al commercio elettronico, prosegue l’Eurispes nell’indagine, semplicemente perché non ha dimestichezza con la tecnologia (47%). L’altra metà si divide tra chi preferisce valutare il prodotto dal vivo (18,3%), chi non si fida a inserire i riferimenti della carta di credito on ine (13,5%), chi teme che il prodotto arrivi danneggiato (6,7%). In particolare, le donne più degli uomini sentono l’esigenza di valutare il prodotto dal vivo (23,9% contro 11%). Quasi tre su dieci sono attratti dai prezzi vantaggiosi (27,1%), un quinto apprezza la vastità della scelta (20,4%), il 13,8% sceglie questa modalità per la rapidità e la praticità, il 38,7% «per tutti questi motivi insieme».

 

Scrivi una replica

News

Serie A, una squadra con più di dieci giocatori positivi potrà richiedere il rinvio di una gara

Una squadra con oltre dieci giocatori positivi al coronavirus potrà chiedere il rinvio di una partita. Lo ha deciso il Consiglio di Lega. La Lega…

1 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’Ema ha iniziato ad analizzare i dati del vaccino AstraZeneca-Oxford

L’EMA, l’Agenzia europea per i medicinali, ha iniziato ad analizzare i dati del vaccino contro il coronavirus realizzato da AstraZeneca e dall’università di Oxford. Si…

1 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fisco, Gualtieri: «Con la riforma, taglio del cuneo fiscale e sostegno alle famiglie»

«Si interverrà sul fisco attraverso un processo di riforma che si caratterizzerà principalmente per il taglio cuneo fiscale sul lavoro». Lo ha detto il ministro…

1 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Senato, Casellati annuncia che Palazzo Madama non chiuderà nonostante i due casi di coronavirus tra i senatori

«Il Senato non chiude, come annunciato ieri. Oggi le Commissioni hanno ripreso regolarmente i propri lavori dopo i controlli imposti dai protocolli di sicurezza anti…

1 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia