Europee, le principali preoccupazioni degli elettori | T-Mag | il magazine di Tecnè

Europee, le principali preoccupazioni degli elettori

Oltre all’immigrazione, chi è chiamato al voto indica nell’andamento dell’economia del proprio Paesi uno dei principali problemi

di Redazione

Tanti sono i temi al centro del dibattito politico in vista delle elezioni europee. Uno di questi è sicuramente l’immigrazione, anche se non è l’unico. A confermarlo è un sondaggio dell’European Council on Foreign Relations, condotto in 14 Paesi.

La corruzione – indicata come uno dei problemi principali soprattutto in Grecia, Ungheria e Italia –, il costo della vita, le pensioni, e la disoccupazione rappresentano le preoccupazioni principali degli elettori europei. Specialmente in Austria, Ungheria, Polonia e Spagna.

In Italia, oltre l’emigrazione e la corruzione, prima dell’immigrazione è menzionata anche la disoccupazione, identificata come una delle problematiche principali dal 47% degli italiani e dal 42% degli spagnoli.

Dal sondaggio emerge un aspetto interessante: l’elettorato europeo è preoccupato soprattutto dall’andamento dell’economia. Soltanto una piccola parte del campione sostiene che l’economia del proprio Paese sia efficiente. Particolarmente pessimisti i greci, gli ungheresi e i rumeni. La crisi economica può aver avuto un ruolo fondamentale nel determinare questo sentimento.

Secondo un sondaggio del PEW Research Center, a ritenere che la situazione economica attuale sia peggiorata rispetto a venti anni fa è in media il 50% degli europei intervistati, con picchi in Grecia e Italia, Paesi in cui la percentuale sale rispettivamente all’87 e al 72%.

Il pessimismo diffuso sull’economia non riguarda solo il presente: secondo il sondaggio, il 58% degli europei ritiene che in futuro per i bambini di oggi la situazione economica sarà peggiore di quella attuale, mentre solo il 30% appare ottimista sulle prospettive per le prossime generazioni. In particolar modo, al contrario degli indicatori sull’immigrazione, il Paese che si mostra più positivo è la Polonia, mentre la Francia, con l’80% dei pessimisti per il futuro economico, è quello che evidenzia la percentuale negativa maggiore.

 

Scrivi una replica

News

Oms: «Il Covid è ancora un’emergenza sanitaria internazionale»

Il Covid «continua a costituire un’emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale». Così Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms, l’Organizzazione mondiale della Sanità, nel rapporto…

30 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente, nel 2022 in 29 città italiane superati i limiti giornalieri di PM10

«Nel 2022, 29 città su 95 hanno superato i limiti giornalieri di PM10». Lo denuncia Legambiente, con il report “Mal’Aria di città 2023: cambio di…

30 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inflazione, Giorgetti: «Il tessuto economico tiene»

«L’attuale scenario internazionale è caratterizzato ormai da da diversi mesi da un’inflazione diffusa, eccezionalmente elevata e persistente, che sta esercitata grande pressione sulle famiglie e…

30 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania: nel quarto trimestre Pil in diminuzione (-0,2%)

Nel quarto trimestre, il Prodotto interno lordo tedesco è diminuito dello 0,2% su base trimestrale. Lo rende noto Destatis, l’Ufficio federale di statistica, diffondendo una…

30 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia