Europee, le principali preoccupazioni degli elettori | T-Mag | il magazine di Tecnè

Europee, le principali preoccupazioni degli elettori

Oltre all’immigrazione, chi è chiamato al voto indica nell’andamento dell’economia del proprio Paesi uno dei principali problemi

di Redazione

Tanti sono i temi al centro del dibattito politico in vista delle elezioni europee. Uno di questi è sicuramente l’immigrazione, anche se non è l’unico. A confermarlo è un sondaggio dell’European Council on Foreign Relations, condotto in 14 Paesi.

La corruzione – indicata come uno dei problemi principali soprattutto in Grecia, Ungheria e Italia –, il costo della vita, le pensioni, e la disoccupazione rappresentano le preoccupazioni principali degli elettori europei. Specialmente in Austria, Ungheria, Polonia e Spagna.

In Italia, oltre l’emigrazione e la corruzione, prima dell’immigrazione è menzionata anche la disoccupazione, identificata come una delle problematiche principali dal 47% degli italiani e dal 42% degli spagnoli.

Dal sondaggio emerge un aspetto interessante: l’elettorato europeo è preoccupato soprattutto dall’andamento dell’economia. Soltanto una piccola parte del campione sostiene che l’economia del proprio Paese sia efficiente. Particolarmente pessimisti i greci, gli ungheresi e i rumeni. La crisi economica può aver avuto un ruolo fondamentale nel determinare questo sentimento.

Secondo un sondaggio del PEW Research Center, a ritenere che la situazione economica attuale sia peggiorata rispetto a venti anni fa è in media il 50% degli europei intervistati, con picchi in Grecia e Italia, Paesi in cui la percentuale sale rispettivamente all’87 e al 72%.

Il pessimismo diffuso sull’economia non riguarda solo il presente: secondo il sondaggio, il 58% degli europei ritiene che in futuro per i bambini di oggi la situazione economica sarà peggiore di quella attuale, mentre solo il 30% appare ottimista sulle prospettive per le prossime generazioni. In particolar modo, al contrario degli indicatori sull’immigrazione, il Paese che si mostra più positivo è la Polonia, mentre la Francia, con l’80% dei pessimisti per il futuro economico, è quello che evidenzia la percentuale negativa maggiore.

 

Scrivi una replica

News

Mattarella: «Le teorie antiscientifiche di pochi non possono prevalere»

«La ripartenza è una strada nuova e dobbiamo percorrerla con determinazione e speranza come nel dopoguerra, con il concorso di forze e persone. Possiamo aver…

26 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mezzogiorno, Draghi: «A disposizione del Sud, risorse che non hanno precedenti: spendiamo questi soldi con onestà»

«Le risorse messe a disposizione per il Sud oggi non hanno precedenti nella storia recente. Dobbiamo spendere bene questi soldi, con onestà e rapidità». Lo…

26 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Cina: lockdown a Lanzhou

In Cina corrono ai ripari sul fronte pandemico. Dopo aver sospeso la maratona in programma a Pechino, le autorità cinesi hanno infatti messo in lockdown…

26 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cinema: “È stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino rappresenterà l’Italia agli Oscar

Nella selezione per il miglior film internazionale ai Premi Oscar, “È stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino rappresenterà l’Italia. Lo ha deciso la…

26 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia