Istat: «A marzo retribuzioni invariate rispetto a febbraio e in aumento dell’1,4% su marzo 2018» | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat: «A marzo retribuzioni invariate rispetto a febbraio e in aumento dell’1,4% su marzo 2018»

«Nel periodo gennaio-marzo sono stati recepiti due accordi mentre 27 sono scaduti (15 della Pubblica Amministrazione). Alla fine di marzo 2019 i contratti collettivi nazionali di lavoro in vigore per la parte economica riguardano 5,9 milioni di dipendenti (47,6% del totale) e corrispondono al 47,2% del monte retributivo osservato. Complessivamente i contratti in attesa di rinnovo a fine marzo sono 41, relativi a circa 6,5 milioni di dipendenti (52,4%), in lieve diminuzione rispetto al mese precedente (53,0%). L’attesa del rinnovo per i lavoratori con il contratto scaduto è in media di 12,7 mesi. L’attesa media calcolata sul totale dei dipendenti è di 6,6 mesi, in forte diminuzione rispetto a un anno prima (25,0). A marzo l’indice delle retribuzioni contrattuali orarie è invariato rispetto al mese precedente e aumenta dell’1,4% nei confronti di marzo 2018. Complessivamente, nei primi tre mesi del 2019 la retribuzione oraria media è cresciuta dell’1,6% rispetto al corrispondente periodo del 2018. Con riferimento ai principali macrosettori, a marzo le retribuzioni contrattuali orarie registrano un incremento tendenziale dello 0,8% per i dipendenti del settore privato (+1,1% nell’industria e +0,4% nei servizi privati) e del 3,4% per quelli della pubblica amministrazione. I settori che presentano gli incrementi tendenziali maggiori sono: attività dei vigili del fuoco (+10,3%); scuola e regioni e autonomie locali (entrambi +3,7%). Si registrano variazioni nulle nel comparto delle funzioni centrali, nelle farmacie private e nel commercio». Lo ha reso noto l’Istat nella nota Contratti collettivi e retribuzioni contrattuali».

 

Scrivi una replica

News

Regno Unito, il deputato britannico David Amess è stato ucciso a coltellate durante un incontro con gli elettori

Un deputato della maggioranza Tory che sostiene il governo britannico di Boris Johnson, il 69enne David Amess, è stato oggi ucciso da un uomo, che…

15 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, via libera del Cdm al dl Fisco

Via libera del Consiglio dei ministri al decreto fiscale. Lo riferiscono le agenzie di stampa, citando fonti governative, a riunione ancora in corso. Tensione sul…

15 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Financial Times: “Cinque Paesi Ue pronti alla guerra commerciale con la Gran Bretagna”

“Italia, Francia, Germania, Spagna e Paesi Bassi hanno incontrato in settimana il vicepresidente della Commissione europea, Maros Sefcovic, negoziatore post Brexit per l’Ue, per chiedergli…

15 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gruppo Stellantis, immatricolazioni in calo del 30,4% a settembre

Secondo i dati dell’Acea (associazione dei costruttori europei), le immatricolazioni del gruppo Stellantis, nell’Unione europea, Paesi Efta e Regno Unito sono state a settembre 179.117,…

15 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia