Le sfide elettorali in Europa, prima delle elezioni europee | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le sfide elettorali in Europa, prima delle elezioni europee

Il voto del 26 maggio sarà il culmine di due anni intensi di tornate elettorali a livello nazionale

di Silvia Capone

Le elezioni per rinnovare il Parlamento europeo che si terranno il 26 maggio saranno un punto centrale di due anni intensi di tornate elettorali a livello nazionale. L’ultimo paese in cui si è votato è la Spagna, dove le elezioni di domenica hanno visto la vittoria relativa del Partito Socialista, il PSOE, di Pedro Sánchez, che con il 29% dei voti diventa la prima forza del nuovo Parlamento, ottenendo 38 seggi in più rispetto alle ultime elezioni del 2016. Il primo partito di centro-destra ha invece toccato il 16,7%, il peggior risultato di sempre, mentre significativa è la performance di Vox, il partito della destra radicale anti-migranti che ha raggiunto il 10% dei voti, entrando per la prima volta in Parlamento da quando in Spagna è caduto il regime franchista.

Il 2019 è l’anno delle elezioni parlamentari anche in Belgio, che si terranno il 26 maggio – lo stesso giorno delle europee -, in cui i sondaggi vedono il vantaggio del partito – attualmente il gruppo parlamentare più grande – di destra conservatore, Nuova Alleanza Fiamminga, che aveva sfiduciato la coalizione di governo di cui faceva parte a causa dell’approvazione del Global Compact per i migranti.

Scenario particolare in Estonia, dove le elezioni del 3 marzo hanno visto la vittoria relativa del Partito Riformatore, di centrodestra e liberale, la cui leader, ex europarlamentare, avrebbe potuto essere la prima donna a guidare il paese, seguito dal Partito di Centro, centrista e socio-liberale, e dall’exploit del partito di destra, l’EKRE con idee anti-immigrazione e fortemente euroscettico, tanto da desiderare un referendum sull’uscita dell’Estonia dall’Unione europea. 

Situazione simile per quel che riguarda i risultati raggiunti dai singoli partiti, in Svezia, paese in cui le elezioni per eleggere il Parlamento tenutesi a settembre 2018 hanno visto la tenue riconferma del partito uscente: i socialdemocratici con il 28% ottengono la maggioranza relativa, segue il partito dei moderati, che da solo ottiene il 19,8% e a poca distanza, segnando anche in questo paese una performance in netta salita rispetto alle scorse elezioni, si posizionano i Democratici Svedesi, il partito di estrema destra anti-migranti, che ha ottenuto oltre il 17,5%. In generale le elezioni che si sono tenute nei paesi europei negli ultimi due anni sono state contraddistinte da una crescita dei partiti populisti e sovranisti.

Diversa, se non opposta, è invece la situazione in Slovacchia, dove tutti i partiti sovranisti si sono fermati al primo turno delle elezioni e infatti il ballottaggio delle presidenziali ha visto uno scontro tutto europeista tra il Partito socialdemocratico il cui leader è il Commissario europeo per l’unione energetica Maroš Šefčovič, e la candidata vincitrice – prima donna presidente – Zuzana Caputova, avvocatessa, ambientalista e liberale, leader del partito europeista Progressive Slovakia.

 

Scrivi una replica

News

Mattarella: «Le teorie antiscientifiche di pochi non possono prevalere»

«La ripartenza è una strada nuova e dobbiamo percorrerla con determinazione e speranza come nel dopoguerra, con il concorso di forze e persone. Possiamo aver…

26 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mezzogiorno, Draghi: «A disposizione del Sud, risorse che non hanno precedenti: spendiamo questi soldi con onestà»

«Le risorse messe a disposizione per il Sud oggi non hanno precedenti nella storia recente. Dobbiamo spendere bene questi soldi, con onestà e rapidità». Lo…

26 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Cina: lockdown a Lanzhou

In Cina corrono ai ripari sul fronte pandemico. Dopo aver sospeso la maratona in programma a Pechino, le autorità cinesi hanno infatti messo in lockdown…

26 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cinema: “È stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino rappresenterà l’Italia agli Oscar

Nella selezione per il miglior film internazionale ai Premi Oscar, “È stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino rappresenterà l’Italia. Lo ha deciso la…

26 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia