Un mondo senza plastica (o quasi) | T-Mag | il magazine di Tecnè

Un mondo senza plastica (o quasi)

Dalle borracce ai sacchetti per la spesa, stanno cambiando le abitudini di tanti consumatori. Ma non solo: anche aziende e grande distribuzione stanno ripensando i modelli e le politiche da adottare

di Redazione

Sicuramente c’entra questa rinnovata cultura green, una maggiore consapevolezza – soprattutto tra i più giovani – che la riduzione di plastica farà bene al pianeta e a noi che lo abitiamo. Fatto sta che c’è un mercato in crescita, sebbene sia sempre esistito: quello delle borracce. L’ultilizzo di contenitori per l’acqua o bevande – che non siano le tipiche bottigliette di plastica monouso, insomma – è molto diffuso e in molti casi sono enti e istituzioni – università, regioni (ad esempio la Puglia allo scopo di tenere pulite le spiagge), comuni – a promuovere tale abitudine, in alcuni casi anche consegnandole gratuitamente.

Ce ne sono di tutti i tipi: da quelle con l’isolamento termico che di norma garantiscono una temperatura fredda per 24 ore o calda per 12, da quelle più semplici – in vetro, acciaio o plastica (riutilizzabile) – a quelle di design, dai colori accesi e dalle forme eleganti. Esistono aziende, in Italia e in Europa, specializzate nella produzione di borracce.

Il vantaggio più immediato riguarda l’impatto ambientale: si stima che entro il 2050 i mari saranno “abitati”, per così dire, dalla plastica più che dalle specie animali acquatiche, considerando che ogni anno circa otto milioni di tonnellate di plastica vanno a finire negli oceani. E poi, nel lungo periodo, non si può non tenere conto del risparmio economico.

C’è un paradosso che riguarda proprio l’Italia. Il nostro è il paese, dopo Messico e Thailandia, in cui risulta particolarmente alto il consumo di acqua nelle bottiglie e bottigliette di plastica. E secondo molti esperti è una cosa che ha poco senso, almeno per come si presenta, essendo le nostre acque – quelle che arrivano direttamente nei rubinetti delle case o degli uffici, per intenderci – sicure, rispondendo (quasi) sempre ai parametri stabiliti in sede comunitaria, anche se non mancano delle criticità come emerge dal report di Legambiente, Buone e cattive acque.

Cambiare abitudini, in ogni caso, potrebbe non essere una cattiva idea. Tanto negli Stati Uniti quanto in Europa si stanno adottando misure che a mano a mano prevedono l’addio a sacchetti di plastica o prodotti simili. Un nuovo approccio alla vita quotidiana su cui dovranno adattarsi non solo i consumatori, ma anche le aziende e la grande distribuzione, senza per questo vedere compromessi modelli di business di successo (si pensi all’economia circolare).

 

Scrivi una replica

News

Unicredit, nel 2021 l’amministratore delegato lascerà l’incarico

L’amministratore delegato della Unicredit, Jean Pierre Mustier, lascerà il suo incarico a fine mandato, cioè nell’aprile 2021. Mustier ha reso noto che la sua decisione…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa, si dimette il consigliere sul Covid

Scott Atlas, consigliere sul Covid dell’amministrazione Trump, si è dimesso. Atlas era un convinto sostenitore dell’immunità di gregge ed era stato scelto da Trump pur…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Von der Leyen: «Entro gennaio i primi vaccini»

«La crisi legata al coronavirus non è ancora finita e l’incertezza continua ma in modo diverso da marzo, oggi sappiamo che c’è una via di…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 119 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spred tra Btp e Bund si è attestato a quota 119 punti.…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia