Dalla legge di bilancio alle clausole di salvaguardia, tutte le tappe | T-Mag | il magazine di Tecnè

Dalla legge di bilancio alle clausole di salvaguardia, tutte le tappe

Le date e le scadenze di uno degli appuntamenti più importanti dei prossimi mesi

di Redazione

Con la presentazione al Senato di una mozione di sfiducia al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, la Lega ha “certificato” la crisi di governo. L’Aula potrebbe non essere convocata prima del 19 agosto – la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati ha convocato la capigruppo per lunedì 12 agosto alle 16 –, il passaggio tuttavia potrebbe sancire ufficialmente la crisi, alla vigilia di alcuni importanti appuntamenti. Primo fra tutti, l’approvazione della legge di Bilancio.

Entro il 27 settembre il governo deve presentare la nota di aggiornamento al DEF, con la quale rende noto il suo piano economico per i prossimi tre anni e dalla quale dipende buona parte della legge di bilancio. Legge che va presentata entro il 20 ottobre al Parlamento e approvata entro il 31 dicembre 2019. Non riuscirci avrebbe grosse conseguenze sul Paese: se al 1° gennaio la legge di bilancio non fosse approvata, l’Italia entrerebbe nell’esercizio provvisorio, che può essere concesso «se non per legge» – per avviarlo, serve quindi una legge approvata dal Parlamento – e non può durare più di quattro mesi, terminati i quali la legge di bilancio deve essere approvata.

La sfida più importante sarà disinnescare le clausole di salvaguardia. Per realizzare alcune misure contenute nella legge di bilancio – reddito di cittadinanza, quota 100 –, il governo Conte si è impegnato con la Commissione europea a tagliare il deficit facendo scattare le clausole di salvaguardia.

Cosa sono? È un meccanismo adottato dall’Italia che prevede l’aumento automatico dell’IVA e delle accise, nel caso in cui non venissero trovate le coperture finanziarie – ciò può avvenire attraverso l’aumento delle entrate o la riduzione della spesa – per consentire alla legge di bilancio di rispettare i vincoli di riduzione del debito e del deficit stabiliti dalle regole europee. Per riuscirci, secondo l’Ufficio parlamentare di bilancio, il governo italiano deve trovare 23,1 miliardi euro entro il 2020. In caso contrario, l’attivazione delle clausole di salvaguardia farebbe salire l’aliquota intermedia dal 22 al 25,5% e quella ridotta dal 10 al 13% nel 2020.

L’aumento dell’IVA avrà conseguenze inevitabili sulla spesa degli italiani: secondo l’Ufficio studi di Confcommercio, il costo medio dell’incremento sarà di 889 euro a famiglia.

 

Scrivi una replica

News

Visco: «Ok rialzo tassi dall’estate, ma in maniera graduale»

«Il rischio di deflazione è alle nostre spalle. Abbiamo mantenuto i tassi di interesse ufficiali a lungo negativi, per far fronte a questi rischi, e rispondere…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Produzione nelle costruzioni ai massimi dal 2011 nel mese di marzo»

«A marzo 2022 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni aumenti del 2,0% rispetto a febbraio 2022. Nella media del primo trimestre 2022, al…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Nuove basi militari in risposta ad allargamento Nato»

«La Russia creerà nuove basi militari in risposta all’allargamento della Nato». Lo ha annunciato  il ministro della difesa russo Sergei Shoigu. Il Ministro ha evidenziato…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Von der Leyen: «Erogati 600milioni di euro di prestiti a Kiev»

«Oggi abbiamo erogato una nuova tranche di 600 milioni di euro di assistenza macrofinanziaria all’Ucraina. E arriverà: abbiamo proposto un prestito aggiuntivo di 9 miliardi…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia