La legge sulla lettura, perché se ne sta parlando | T-Mag | il magazine di Tecnè

La legge sulla lettura, perché se ne sta parlando

Con il tetto agli sconti, per l’Aie il provvedimento potrebbe mettere a rischio molti posti di lavoro. Giudizio positivo, invece, da parte dell’Ali

di Redazione

Il ddl sul sostegno e la promozione della lettura, che è stato approvato in via definitiva all’unanimità al Senato qualche giorno fa, ha lasciato strascichi polemici, soprattutto nella parte relativa al tetto, fissato al 5%, agli sconti applicabili ai libri (romanzi, saggi, esclusi però i libri di testo utilizzati nelle scuole per cui resta il tetto al 15%). In teoria la misura è a sostegno delle piccole librerie e si applica anche alle vendite online. Ma non tutti, appunto, sono d’accordo con la misura.

Secondo l’Aie, l’Associazione italiana editori, la legge metterebbe a rischio diversi posti di lavoro e in ogni caso i lettori non ne trarrebbero alcun giovamento: «Imponendo la riduzione degli sconti sui prezzi di vendita, questa legge peserà sulle tasche delle famiglie e dei consumatori per 75 milioni di euro, mettendo a rischio duemila posti di lavoro». L’Aie conclude poi così: «Non è ciò che serve al mondo del libro, la prima industria culturale del paese, in un momento delicatissimo di consolidamento della crescita che ha finalmente segnato il recupero dei livelli pre-crisi».

C’è da sottolineare, tuttavia, come l’Italia non sia l’unico paese in Europa ad approvare una legge simile. Anzi, già prima di noi, avevano provveduto a fissare tetti simili Francia, Spagna e Olanda, mentre in Germania neppure sono previsti. E a tale proposito Ali Confcommercio (Associazione librai italiani), tra gli altri, ha espresso parere favorevole. Se a questo aggiungiamo il giudizio positivo dell’Adei (Associazione degli editori indipendenti), è chiaro come il provvedimento metta in contrapposizione piccoli e grandi player dell’editoria.

In Italia, poi, c’è anche da ricordare che non siamo dei grandi fruitori di libri. Secondo gli ultimi dati Istat, nel 2018 la quota di lettori è ferma attorno al 40%, valore stabile dal 2016 quando è tornata ai livelli del 2001 (mentre a partire dal 2000 si era registrata una lieve, ma costante, crescita). Per quanto riguarda i prezzi di copertina, sempre nel 2018 si era registrato un leggero aumento sull’anno precedente, con il costo medio in rialzo da 19,65 a 20,04 euro. La legge, ad ogni modo, non riguarda esclusivamente i costi da applicare ai libri, ma prevede una serie di iniziative volte a promuovere la lettura, tra cui l’istituzione della Capitale del libro.

 

Scrivi una replica

News

Inps: «Rinvio di due mesi per il pagamento dei contributi dei lavori domestici»

«Rinvio di due mesi a causa dell’emergenza coronavirus per il pagamento dei contributi dei lavoratori domestici da parte dei datori di lavoro per il primo…

6 Apr 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Le Maire: «Francia verso la peggiore recessione dal 1945»

Bruno Le Maire, ministro dell’Economia francese, ha dichiarato che la Francia nel 2020 registrerà la sua peggiore recessione economica dalla fine della Seconda guerra mondiale.…

6 Apr 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a Wuhan riparte il 90% delle imprese

Il vice sindaco esecutivo di Wuhan, Hu Yabo, ha reso noto che nella città focolaio del coronavirus il 97% delle imprese è ripartito. «Il ritorno…

6 Apr 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, nel monde oltre 1,2 milioni di casi e oltre 70mila morti

Nel bollettino della Johns Hopkins University emerge che i casi di Sars-CoV-2 nel mondo sono più di 1,2 milioni. Le morti invece hanno superato quota…

6 Apr 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia