Gli italiani online, sempre più connessi e social | T-Mag | il magazine di Tecnè

Gli italiani online, sempre più connessi e social

Secondo l’annuale report di We Are Social, gli italiani passano sei ore su internet di cui circa due sugli otto account social che, in media, ognuno possiede

di Redazione

Sono 49,5 milioni gli utenti italiani che abitualmente si connettono ogni giorno ad internet, sempre di più, dunque, dato l’aumento di oltre un milione rispetto a gennaio dello scorso anno, passando in media sei ore al giorno su internet. 

I dati, riportati nel report Digital 2020 di We Are Social che annualmente analizza il mondo social e digitale, mostrano che l’82% della popolazione in Italia utilizza internet, al di sopra della media mondiale del 59%, ma in linea con le economie più avanzate.

Al livello nazionale, i siti visitati più spesso sono Google, Facebook e YouTube. In particolar modo sono 35 milioni, ovvero il 58% della popolazione, gli italiani attivi sui social mentre il 99% ha utilizzato social o app di messaggistica nell’ultimo mese, che vengono utilizzati sempre più spesso in modo diversificato, sia per intrattenimento che informazione e conversazione. In media, passiamo 1 ora e 57 usando social media il 98% degli utenti accede da mobile e ognuno ha, sempre in media, circa 8 account social.

La classifica dei social network più utilizzati rispecchia la diversificazione degli scopi: YouTube, WhatsApp e Facebook risultano i più usati nell’ultimo mese, seguiti da Instagram, Messenger e Twitter. Nello specifico Facebook conta al momento 29 milioni di utenti, equamente distribuiti tra donne e uomini, anche se analizzando la frequenza, la componente femminile è più attive: se in un mese si mettono in media 16 “mi piace”, 22 sono di donne e solo 12 di uomini, così come i commenti, se ne contano in media 6 per utente. Tra le donne la media è leggermente più alta e tocca i 9 commenti.

Per quanto riguarda gli altri social, Instagram è quello che nell’ultimo anno ha registrato la crescita maggiore, dal 55 al 64%, Snapchat – cresciuto di un paio di punti percentuali – è il social in cui la componente femminile è maggiore: il 72% degli utenti sono donne, mentre le percentuali sul genere sono invertite per Twitter, in cui oltre il 61% degli utenti sono uomini.

Cresce anche l’utilizzo dei social per motivi di lavoro: in generale il 31% degli intervistati sostiene di utilizzare i social media per scopi lavorativi e, nello specifico, il 28% degli italiani ha registrato un account LinkedIn.

L’utilizzo dei social e soprattutto di internet in generale non solo per scopi di intrattenimento è dimostrato anche dall’aumento dell’e-commerce: l’87% degli utenti attivi dichiara di aver cercato online prodotti da comprare e il 77% ha acquistato online nel mese di gennaio 2020.

Questo implica anche una maggiore attenzione degli italiani, come degli altri paesi occidentali, dei problemi legati alla vita online. Infatti il 59% si è detto preoccupato riguardo al trattamento dei dati personali e al tema della privacy, mentre il 52% lo è per quel che riguarda il fenomeno delle fake news, tentando quindi di privilegiare fonti affidabili. 

 

Scrivi una replica

News

Svimez: «Mezzogiorno in recessione nel 2023, Pil -0,4%»

«Nel 2023 il Mezzogiorno rischia la recessione con un Pil che potrebbe contrarsi fino a -0,4% contro il +2,9% di quest’anno». E’ quanto emerge dalle…

28 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Borrell: «Putin vuole rendere l’Ucraina un buco nero»

«Dobbiamo aumentare il nostro sostegno all’Ucraina. Putin continua a bombardare l’Ucraina. Continua a cercare di rendere l’Ucraina un buco nero, senza luce, senza elettricità, senza riscaldamento. Per…

28 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Zelensky: «I russi preparano nuovi attacchi»

«Sappiamo che i terroristi stanno preparando nuovi attacchi e che, finché avranno i missili, non si fermeranno. La prossima settimana può essere dura come quella…

28 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 74,36 dollari al barile e Brent a 81,56 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 74,36 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 81,56 dollari.…

28 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia