A inizio anno mercato del lavoro in lieve peggioramento | T-Mag | il magazine di Tecnè

A inizio anno mercato del lavoro in lieve peggioramento

Alla fine di gennaio l’Istat ha registrato un lieve aumento dei disoccupati e un calo dell’occupazione. In crescita l’inattività.

di Redazione

Rispetto al mese di dicembre 2019, a gennaio 2020 l’occupazione diminuisce, l’inattività cresce e il numero di disoccupati aumenta lievemente a fronte di un tasso di disoccupazione che rimane stabile. Il numero di occupati diminuisce di 40 mila unità (-0,2% rispetto al mese precedente) e il tasso di occupazione si attesta al 59,1% (-0,1 punti percentuali) .

La flessione dell’occupazione interessa uomini e donne, lavoratori dipendenti (-15 mila) e indipendenti (-25 mila) e tutte le fasce di età, a esclusione delle persone tra i 35 e i 49 anni (+13 mila).

La lieve crescita delle persone in cerca di lavoro è dovuta all’aumento registrato per le donne (+2,3%, pari a +27 mila unità), tra i 15-24enni e per gli over50; tra gli uomini, invece, il numero delle persone in cerca di occupazione diminuisce (-1,7%, pari a -23 mila unità), così come tra i 25-49enni. Ne deriva la stabilità del tasso di disoccupazione (al 9,8%) e l’aumento di quello giovanile al 29,3% (+0,6 punti percentuali).

La crescita degli inattivi (+0,2%, pari a +20mila unità), che coinvolge entrambi i sessi, si concentra tra i 15 34enni; il tasso di inattività sale al 34,4% (+0,1 punti percentuali).

Un lieve calo dell’occupazione (-0,1%, pari a -15 mila unità) si osserva anche confrontando il trimestre novembre 2019-gennaio 2020 con quello precedente (agosto-ottobre 2019) e riguarda, in particolare, i lavoratori indipendenti (-38 mila); l’occupazione infatti aumenta tra i dipendenti (+23 mila), oltre che tra i 25-34enni (+11 mila) e gli over 50 (+36 mila).

Nello stesso trimestre aumentano lievemente le persone in cerca di occupazione (+7 mila) e diminuiscono gli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-26 mila unità).

Rispetto a gennaio 2019, la crescita dell’occupazione (+0,3%, pari a +76 mila unità) è verificata per genere e classe di età, con l’unica eccezione dei 35-49enni per effetto del loro decrescente peso demografico. Aumentano i lavoratori dipendenti (+156 mila unità), soprattutto permanenti (+112 mila), mentre gli occupati indipendenti diminuiscono di 80 mila unità.

Nell’arco dei dodici mesi, l’aumento degli occupati si accompagna a un calo dei disoccupati (-6,2%, pari a 166 mila unità) e degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-0,4%, pari a -47 mila).

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Iran, Mohammad Mokhber nominato presidente facente funzioni

Dopo la morte del presidente iraniano, Ebrahim Raisi, e del ministro degli Esteri iraniano, Hossein Amir-Abdollahian, nell’incidente che ha coinvolto ieri l’elicottero sul quale erano…

20 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

L’attentatore di Fico potrebbe avere dei complici

L’uomo, un’ex guardia di sicurezza di 71 anni, accusato per l’attentato al premier slovacco, Robert Fico, compiuto mercoledì scorso, potrebbe non aver agito da solo.…

20 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Chiesto un mandato di cattura internazionale per Netanyahu e tre leader di Hamas

Karim Khan, il procuratore capo della Corte penale internazionale, ha chiesto alla Corte un mandato di arresto per il premier israeliano Benjamin Netanyahu, per il…

20 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Il 64% degli studenti usa l’Intelligenza artificiale per fare i compiti

Sette ragazzi su dieci dai 16 ai 18 anni utilizzano l’IA per cercare informazioni, il 60% invece per fare i compiti. Lo rivela una ricerca…

20 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia