Covid-19, gli impianti “fermi” costano 788 euro procapite al mese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Covid-19, gli impianti “fermi” costano 788 euro procapite al mese

Anche la Svimez ha provato a calcolare gli effetti negativi del coronavirus sull’economia del Paese. Secondo le stime, se le attività riprendessero nel secondo semestre, il PIL a fine anno registrerebbe un -8,4%

di Redazione

Secondo la Svimez – l’Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno – sono cinque su dieci gli impianti oggi “fermi” nel Paese, e a livello nazionale, senza tener conto del settore dell’agricoltura, di quello delle attività finanziarie e assicurative e della Pubblica amministrazione, valore aggiunto, fatturato e occupazione si sono ridotti del 50%. 

Anche la Svimez, dunque, ha provato a tirare le somme sugli effetti negativi che coronavirus e misure restrittive per ridurre il contagio da Covid-19 stanno avendo sulla congiuntura italiana. In termini di valore aggiunto, a livello territoriale, soffrono maggiormente le regioni del Nord, registrando un calo del 49,1%: circa il 6% in più rispetto a quello che sta interessando il Centro ed il Mezzogiorno. Perdite simili, invece, si rilevano per le tre macro aree per quanto riguarda gli occupati: la Svimez indica un 53,3% al Nord, un 51,1% al Centro e un 53,2% nel Mezzogiorno. 

In generale, comunque, un solo mese di lockdown costa al Paese 47 miliardi di euro, di cui 37 miliardi riconducibili al Centro-Nord e dieci al Mezzogiorno. In termini procapite, si parla di 788 per la media nazionale e di 951 euro e 473 se si considerano rispettivamente Centro-Nord e Sud. 

La Svimez ha poi formulato delle previsioni per l’anno in corso, indicando un calo del Prodotto interno lordo di 8,4 punti percentuali a fine anno (-8,5% al Centro-Nord e -7,9%) se l’attività riprendesse nella seconda metà del 2020. «Si tratta di una previsione che considera il solo impatto del “cura Italia” – spiega tuttavia la Svimez -. Ulteriori interventi espansivi potrebbero attenuare la dinamica recessiva».

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Austin: «Se Kiev cade, la Nato entrerà in guerra con Mosca»

«Se l’Ucraina cade, credo davvero che la Nato entrerà in guerra con la Russia». Questa la convinzione del segretario statunitense alla Difesa, Lloyd Austin, espressa…

1 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Israele-Hamas, ora si teme uno stop ai negoziati

L’indomani della strage in cui almeno 112 palestinesi sono morti e in centinaia sono rimasti feriti mentre aspettavano gli aiuti alimentari a Gaza, ci si…

1 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, in migliaia per l’ultimo saluto a Navalny

Code fuori la chiesa dell’icona della Madre di Dio di Mosca, in migliaia per l’ultimo saluto, imponente schieramento di polizia fin dalla mattina, applausi. E…

1 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

A febbraio comparto manifatturiero italiano in contrazione

A febbraio il comparto manifatturiero italiano ha registrato l’undicesima contrazione consecutiva: l’indice Hboc Global Purchasing Managers’ Index (Pmi) per il settore manifatturiero italiano è salito…

1 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia