Caso Navalny, l’OPAC è pronta a offrire assistenza | T-Mag | il magazine di Tecnè

Caso Navalny, l’OPAC è pronta a offrire assistenza

«L’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPAC) continua a monitorare la situazione ed è pronta ad impegnarsi e ad assistere qualsiasi Stato membro che possa richiedere la sua assistenza». Così il direttore generale dell’OPAC, Fernando Arias, in una nota sul presunto avvelenamento di Alexei Navalny, uno dei principali esponenti dell’opposizione russa che, secondo il governo tedesco, sarebbe stato avvelenato con un agente nervino, il novichok. «Ai sensi della Convenzione sulle armi chimiche, qualsiasi avvelenamento di un individuo attraverso l’uso di un agente nervino è considerato uso di armi chimiche», ha proseguito.

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, Trump: «Sono stati quattro anni incredibili»

«Sono stati quattro anni incredibili». Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in occasione del suo ultimo discorso a Washington, prima di…

20 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, morto il ministro degli Esteri dello Zimbabwe

Il governo dello Zimbabwe ha reso noto che il ministro degli Esteri, Sibusiso Moyo ha perso la vita dopo aver contratto il coronavirus.…

20 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Olanda annuncia primo coprifuoco dal dopoguerra

Il governo olandese, per contrastare la pandemia, ha annunciato il coprifuoco a partire da domani e sarà dalle 20.30 fino alle 4.30. Si tratta del…

20 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Costa: «È la più grande sfida dal dopoguerra per l’Ue»

«Con la pandemia da Covid-19, l’Europa sta vivendo la sua più grande sfida dal dopoguerra. In meno di un anno, quasi mezzo milione di vite…

20 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia