La crescita delle app di fitness | T-Mag | il magazine di Tecnè

La crescita delle app di fitness

Ovviamente la pandemia e il maggior tempo passato in casa hanno avuto un impatto notevole sul boom di download e la sottoscrizione di eventuali abbonamenti

di Redazione

Tra i tanti espedienti per passare il tempo libero nel pieno della pandemia, sicuramente va considerato il ricorso frequente all’attività fisica svolta in casa, dato che le palestre e i centri sportivi sono stati (e sono tutt’ora) chiusi allo scopo di contenere la diffusione del coronavirus. Secondo quanto emerge dai dati di Sensor Tower, le app di salute e fitness durante lo scorso anno hanno incassato in Italia 22 milioni di dollari, il 64,2% in più rispetto al 2019, mentre i nuovi download sono stati 57,8 milioni, corrispondenti al 50,5% in più rispetto l’anno precedente.

L’utilità di un’app per tenersi in forma durante i periodi prolungati in casa deriva sia dalla necessità, per chi era abituato, di sostituire la palestra fisica, sia di trovare un momento e degli esercizi giusti per evadere dalla sedentarietà delle giornate per coloro che invece non erano, prima di marzo 2020, frequentatori assidui di centri sportivi. Anche il coinvolgimento dei “nuovi” è stato significativo, tanto che, secondo un’indagine di Sportclubby, durante il periodo pandemico una palestra su tre si è organizzata con i propri istruttori per proseguire i corsi a distanza e i nuovi utenti settimanali sono cresciuti del 91%.

Scaricare un’app non è sinonimo di allenamento reale e costante, ma stando ai dati Sensor Tower, il fatto che la spesa sia stata maggiore dei download denota un certo impegno. I dati complessivi relativi ai download sono però influenzati anche dall’app Immuni, che rientra – proprio come quelle di sport – nella categoria “Salute e Benessere”. L’app Nike Training Club risulta essere l’applicazione di fitness più scaricata.

L’effetto dei lockdown sull’utilizzo delle app di sport e fitness è evidente, nonostante il mercato stesse già crescendo nel 2019, poiché nell’anno i download si erano fermati al 37,2%, mentre nel 2020, il picco di scaricamenti e incassi si è avuto proprio in contemporanea dei periodi di restrizioni più intense. Questa sembra inoltre una tendenza in conferma: la spesa per le app si è confermata a 140 milioni tra ottobre e dicembre e anche nella seconda metà dell’anno i download sono stati più di 180 milioni, pari al 39% in più rispetto allo stesso periodo del 2019.

 

1 Commento per “La crescita delle app di fitness”

Scrivi una replica

News

Medvedev: «Russia ha il diritto di utilizzare armi nucleari se necessario»

«La Russia ha il diritto di utilizzare armi nucleari, se necessario, in base alla dottrina nucleare». Ad affermarlo, citato dalla Tass, è stato il vicepresidente…

27 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spazio, la sonda Dart ha colpito l’asteroide Dimorphos

La sonda DART, Double Asteroid Redirection Test, della NASA, l’Agenzia spaziale statunitense, ha colpito nella notte Dimorphos, un piccolo asteroide distante 11 milioni di chilometri…

27 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Italiani insoddisfatti della medicina territoriale»

Italiani poco soddisfatti della medicina territoriale. Lo rivela l’indagine della Fondazione Onda, “Esperienza e percezione degli italiani sulla medicina territoriale”, condotta in collaborazione con l’Istituto…

27 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Cala l’export ad agosto, ma su base annua +22%»

«Ad agosto 2022 si stima, per l’interscambio commerciale con i paesi extra Ue27, una diminuzione congiunturale per entrambi i flussi, più ampia per le esportazioni…

27 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia