Come procede la campagna vaccinale in Europa | T-Mag | il magazine di Tecnè

Come procede la campagna vaccinale in Europa

Nuovo studio pubblicato sul New England Journal of Medicine: i vaccini Pfizer e Moderna sono «altamente efficaci» anche nell’abbassare la carica virale e la durata della malattia tra quanti sono stati infettati nonostante la vaccinazione

di Redazione

Secondo i dati aggiornati ad oggi, lunedì 5 luglio 2021, il 62,7% degli adulti residenti nell’Unione europea ha ricevuto almeno una dose di vaccino anti-Covid, il 45% ha completato il ciclo vaccinale, necessaria inoltre per abbassare il rischio di contrarre la cosiddetta “variante Delta”. Si tratta di quote consistenti di popolazione, sebbene non ancora sufficienti per dichiarare conclusa l’emergenza sanitaria. A fare il punto della situazione è stata la portavoce della Commissione europea, Dana Spinant.

Photo by Mufid Majnun on Unsplash

Uscire dalla pandemia sarà possibile solo attraverso i vaccini,  due dei quali – Pfizer-BioNTech e Moderna, che utilizzano la tecnologia a mRna – risultano «altamente efficaci» nel prevenire l’infezione da Sars-CoV-2, dice un nuovo studio pubblicato sul New England Journal of Medicine, condotto negli Stati Uniti con il coinvolgimento di 3.957 persone, tra addetti alla sanità, soccorritori e altri lavoratori a contatto con il pubblico. Stando ai risultati della ricerca, entrambi i vaccini sono «altamente efficaci» anche nell’abbassare la carica virale e la durata della malattia tra quanti sono stati infettati nonostante la vaccinazione.

Durante lo studio, durato 17 settimane, in 204 partecipanti, pari al 5% del campione, è stato rilevato la Sars-CoV-2. Tra i positivi, cinque avevano completato il ciclo vaccinale, undici avevano ricevuto una sola dose, il resto (156) nessuna. Il vaccino è risultato efficace al 91% con la vaccinazione completa e all’81% con quella parziale. Tra i positivi completamente o parzialmente vaccinati, la carica media di Rna virale era inferiore del 40% rispetto ai non vaccinati ed è stata rilevata soltanto per una settimana. Più rari i sintomi – tra i parzialmente o completamente vaccinati: soltanto il 25% ha riportato sintomi febbrili contro il 63% registrato tra i non vaccinati – e più breve la loro durata: i vaccinati hanno avuto 6,4 giorni in meno di sintomi totali e hanno trascorso 2,3 giorni di tempo in meno al letto perché malati rispetto a chi non aveva ricevuto il vaccino.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Oms-Ecdc: «Variante Delta dominante in gran parte dell’Europa»

La variante Delta della Sars-CoV-2 «si sta diffondendo rapidamente in tutta Europa ed è ora diventata il ceppo dominante in gran parte della regione». Lo sostengono…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Italia, l’indice Rt sopra quota 1 per la prima volta dal 26 marzo

In Italia, l’indice Rt si è attestato a 1,26, in crescita rispetto allo 0,91 della scorsa settimana. È quanto emerge dalla cabina di regia per…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 192,7 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 192.735.392. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Xi Jinping in Tibet promette «una nuova era»

«Una nuova era» e «un nuovo capitolo di stabilità duratura e di sviluppo di alta qualità per la regione»: è quanto ha voluto assicurare il…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia