La nuova strategia di politica monetaria della BCE | T-Mag | il magazine di Tecnè

La nuova strategia di politica monetaria della BCE

Dopo 18 anni cade il dogma sull’obiettivo di inflazione: “da inferiore ma prossimo al 2%” si passa a “simmetrico”

di Redazione

Dopo 18 anni la Banca Centrale Europea ha fatto cadere una formula ormai diventata un dogma: quella relativa all’obiettivo inflazione nell’Eurozona. Attraverso un comunicato stampa diffuso oggi, infatti, l’Eurotower ha fatto sapere che il Consiglio direttivo ha deciso all’unanimità di cambiare strategia di politica monetaria, non puntando più all’obiettivo di un’inflazione “inferiore ma prossima al 2%”, ma ad un’inflazione del 2% “simmetrico” nel medio termine. 

Questo significa che scostamenti negativi e positivi dell’inflazione dall’obiettivo sono ugualmente inopportuni e che quindi bisognerà agire sia in caso di inflazione bassa sia in caso di inflazione al di sopra dell’obiettivo.  Nella nota la BCE spiega infatti che «quando l’economia opera in prossimità del limite inferiore per i tassi di interesse nominali, è necessaria un’azione di politica monetaria particolarmente incisiva o persistente per evitare che le deviazioni negative dall’obiettivo di inflazione si radichino». Ciò sta anche a significare che per un periodo transitorio possa verificarsi un livello di inflazione superiore all’obiettivo. 

«Pur avendo come punto fermo il mandato primario di stabilità dei prezzi della BCE – spiega la presidente della BCE Christine Lagarde in una nota in cui annuncia le decisioni del Consiglio direttivo – , il riesame ci ha consentito di rivedere con spirito critico il nostro pensiero, coinvolgere numerosi interlocutori, riflettere, discutere e raggiungere un terreno di intesa su come adeguare la nostra strategia. La nuova strategia rappresenta una base solida che ci guiderà nella conduzione della politica monetaria negli anni a venire». La nuova strategia prenderà il via con la riunione del 22 luglio 2021 e sarà valutata con cadenza regolare. La prossima valutazione è prevista per il 2025. 

Il board della Banca Centrale Europea ha poi confermato che l’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IAPC) resta la misura più adeguata per la valutazione della stabilità dei prezzi, riconoscendo tuttavia che l’inclusione nell’indice «dei costi relativi alle abitazioni occupate dai proprietari rappresenterebbe meglio l’inflazione rilevante per le famiglie e che tale processo di inclusione è un progetto pluriennale».   Oltre ciò la BCE ha anche deciso di adeguarsi alle conseguenze che il cambiamento climatico può avere sulla stabilità dei prezzi. 

 

1 Commento per “La nuova strategia di politica monetaria della BCE”

Scrivi una replica

News

Spagna, a luglio l’inflazione è salita al 10,7% (+10% a giugno)

A luglio l’inflazione spagnola ha registrato un accelerazione rispetto al mese precedente: il dato si è attestato al +10,7% dal +10% di giugno. Le stime…

12 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, a giugno PIL in calo dello 0,6%: meno delle attese

A giugno il Prodotto Interno Lordo del Regno Unito è calato dello 0,6%, meno delle attese che indicavano un -1,2%. Su base annua, l’economia britannica…

12 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Turismo, Bankitalia: la spesa dei turisti stranieri è quintuplicata

Tra marzo e maggio, secondo le tavole statistiche sul Turismo internazionale, elaborate da Bankitalia, la spesa dei turisti stranieri in Italia è quintuplicata rispetto allo…

12 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siccità, in Inghilterra è stato dichiarato lo stato d’emergenza

Il Regno Unito ha dichiarato lo stato d’emergenza per la siccità che sta interessando l’Inghilterra. Coinvolta anche la capitale, Londra.…

12 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia