La spesa e il consumo dei farmaci nell’anno della pandemia | T-Mag | il magazine di Tecnè

La spesa e il consumo dei farmaci nell’anno della pandemia

Nel 2020 si è osservata una riduzione del consumo degli antibiotici. Secondo l’Aifa la spesa farmaceutica è rimasta stabile, attestandosi a 30,5 miliardi di euro

di Redazione

La pandemia sembra aver cambiato abitudini e consumi anche in termini di utilizzo dei farmaci. Nel 2020, ad esempio, si è verificata una riduzione del consumo degli antibiotici rispetto al 2019 del 21,7%, che secondo l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) nel Rapporto Nazionale sull’Uso dei Farmaci in Italia realizzato dall’OsMed «potrebbe essere attribuita alla modifica dei modelli organizzativi e alla diffusione delle mascherine, che possono aver ridotto la trasmissione delle infezioni batteriche». In compenso sono cresciuti i consumi del vaccino antinfluenzale (+23,6%) «grazie a un aumento dell’adesione alla campagna vaccinale nel corso del periodo pandemico».

Photo by freestocks on Unsplash

La spesa farmaceutica nazionale totale è stata nel 2020 pari a 30,5 miliardi di euro, mantenendosi su valori stabili. La spesa pubblica, con un valore di 23,4 miliardi, ha rappresentato il 76,5% della spesa farmaceutica complessiva ed è rimasta anche in questo caso pressoché stabile rispetto al 2019 (-0,8%). La spesa per i farmaci acquistati dalle strutture sanitarie pubbliche è stata di circa 13,5 miliardi di euro (222,87 euro pro capite), su livelli simili dell’anno precedente. Nel 2020 la spesa per farmaci a carico del cittadino ha raggiunto i 5,7 miliardi di euro circa, anche qui stabile nel confronto con il 2019. 

La Regione con la maggiore spesa lorda pro capite per i farmaci di classe A-Ssn risulta essere la Campania (197,3 euro pro capite), mentre il valore più basso si registra a Bolzano (114,4 euro), con una differenza del 72%. Stesso trend per i consumi: in Campania si rilevano i livelli più alti (1.123,8 dosi/1.000 abitanti al giorno), a Bolzano i più bassi (708,4 dosi/1.000 abitanti al giorno).

Nel 2020, a causa della pandemia di coronavirus, il consumo dei farmaci utilizzabili nell’ambito del trattamento del Covid-19 si è attestato a 20,7 dosi per 1.000 abitanti al giorno, +8,5% rispetto al 2019. In particolare le eparine, ovvero farmaci anticoagulanti, hanno rappresentato quasi la metà dei consumi e circa un terzo della spesa. A seguirle i corticosteroidi, ovvero antinfiammatori steroidei, come il metilprednisolone e il desametasone.

 

Scrivi una replica

News

Putin all’Occidente: «Anche noi abbiamo armi in grado di colpirvi»

La retorica è la medesima cui siamo abituati da due anni, da quando la Russia ha cominciato la guerra in Ucraina. Ma stavolta, del resto…

29 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa, Corte Suprema deciderà su immunità Trump

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha deciso che si esprimerà sull’immunità di Donald Trump nel caso che lo vede accusato dei presunti tentativi di…

29 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spari per disperdere folla a Gaza, Hamas: «Negoziati a rischio»

Secondo Hamas i morti potrebbero essere alla fine più di cento. Civili palestinesi sarebbero rimasti uccisi a causa degli spari delle forze israeliane per disperdere…

29 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Piantedosi: «Le forze di polizia non devono subire processi sommari»

«Consentitemi di sottolineare il diritto degli appartenenti alle forze di polizia di non subire processi sommari. Sono lavoratori che meritano il massimo rispetto!». Lo ha…

29 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia