La spesa e il consumo dei farmaci nell’anno della pandemia | T-Mag | il magazine di Tecnè

La spesa e il consumo dei farmaci nell’anno della pandemia

Nel 2020 si è osservata una riduzione del consumo degli antibiotici. Secondo l’Aifa la spesa farmaceutica è rimasta stabile, attestandosi a 30,5 miliardi di euro

di Redazione

La pandemia sembra aver cambiato abitudini e consumi anche in termini di utilizzo dei farmaci. Nel 2020, ad esempio, si è verificata una riduzione del consumo degli antibiotici rispetto al 2019 del 21,7%, che secondo l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) nel Rapporto Nazionale sull’Uso dei Farmaci in Italia realizzato dall’OsMed «potrebbe essere attribuita alla modifica dei modelli organizzativi e alla diffusione delle mascherine, che possono aver ridotto la trasmissione delle infezioni batteriche». In compenso sono cresciuti i consumi del vaccino antinfluenzale (+23,6%) «grazie a un aumento dell’adesione alla campagna vaccinale nel corso del periodo pandemico».

Photo by freestocks on Unsplash

La spesa farmaceutica nazionale totale è stata nel 2020 pari a 30,5 miliardi di euro, mantenendosi su valori stabili. La spesa pubblica, con un valore di 23,4 miliardi, ha rappresentato il 76,5% della spesa farmaceutica complessiva ed è rimasta anche in questo caso pressoché stabile rispetto al 2019 (-0,8%). La spesa per i farmaci acquistati dalle strutture sanitarie pubbliche è stata di circa 13,5 miliardi di euro (222,87 euro pro capite), su livelli simili dell’anno precedente. Nel 2020 la spesa per farmaci a carico del cittadino ha raggiunto i 5,7 miliardi di euro circa, anche qui stabile nel confronto con il 2019. 

La Regione con la maggiore spesa lorda pro capite per i farmaci di classe A-Ssn risulta essere la Campania (197,3 euro pro capite), mentre il valore più basso si registra a Bolzano (114,4 euro), con una differenza del 72%. Stesso trend per i consumi: in Campania si rilevano i livelli più alti (1.123,8 dosi/1.000 abitanti al giorno), a Bolzano i più bassi (708,4 dosi/1.000 abitanti al giorno).

Nel 2020, a causa della pandemia di coronavirus, il consumo dei farmaci utilizzabili nell’ambito del trattamento del Covid-19 si è attestato a 20,7 dosi per 1.000 abitanti al giorno, +8,5% rispetto al 2019. In particolare le eparine, ovvero farmaci anticoagulanti, hanno rappresentato quasi la metà dei consumi e circa un terzo della spesa. A seguirle i corticosteroidi, ovvero antinfiammatori steroidei, come il metilprednisolone e il desametasone.

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, la Corte Suprema ha abolito la sentenza che garantiva il diritto all’aborto

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha abolito la sentenza Roe v. Wade con cui nel 1973 la stessa Corte aveva reso legale l’aborto negli…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «Grazie alle misure che si stanno pensando, non vi sarà un’emergenza energetica in inverno»

«Le misure che si stanno pensando assicurano che non vi sia emergenza» energetica «durante l’inverno». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, intervenendo in conferenza…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «Siamo impegnati a proteggere e sostenere il potere d’acquisto degli italiani»

«Nell’area dell’euro, soprattutto a causa dei prezzi dell’energia e dell’inflazione, le previsioni sono di un rallentamento un po’ in tutti i Paesi. Noi siamo impegnati…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Quarantacinque località balneari italiane premiate con le 5 Vele da Legambiente e il Touring Club Italiano

Quest’anno Legambiente e il Touring Club Italiano hanno assegnato 45 Vele ad altrettante località balneari italiane. La Sardegna, con sei comprensori a Cinque Vele, la…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia