L’economia dell’Eurozona è vicina ai livelli pre pandemia | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’economia dell’Eurozona è vicina ai livelli pre pandemia

Nel secondo trimestre del 2021 il PIL dell’area è aumentato del 2% su base congiunturale e del 13,7% su base tendenziale. Continua a correre la ripresa dell’attività manifatturiera, ma gli occhi sono puntati sull’inflazione.

di Redazione

Il vicepresidente Luis De Guindos, intervistato dal quotidiano spagnolo El Confidencial ha detto che «l’economia europea tornerà ai livelli pre-pandemia entro la fine di quest’anno o nei primi mesi del prossimo». In effetti che l’economia dell’area euro sia sempre più vicina ai livelli precedenti la pandemia di coronavirus lo confermano anche gli ultimi dati sul PIL, salito del 2% nel secondo trimestre rispetto al primo e del 13,7% rispetto allo stesso arco di tempo del 2020.

Effettivamente la ripresa economica dell’area della moneta unica sta correndo veloce e a confermarlo è la stessa Banca Centrale Europea. Per questo, secondo il numero due dell’Eurotower, la BCE potrebbe presto discutere di una «graduale normalizzazione del sostegno monetario».

Rimane però il nodo inflazione: nell’arco degli ultimi mesi l’indice annuo dei prezzi al consumo è salito oltre l’obiettivo del 2% prefissato dalle strategia di politica monetaria dettata da Francoforte. Ad agosto, per esempio, il tasso d’inflazione è stato del 3%, battendo le attese che indicavano un +2,7% e secondo la BCE potrebbe continuare ad aumentare per tutto il 2021, per questo prima di mettere mano alla politica monetaria il Consiglio direttivo dovrà assicurarsi che si tratti solo di un aumento temporaneo e che «non avrà un impatto strutturale sull’economia».

Anche i dati diffusi ieri da IHS Markit sull’attività manifatturiera fanno ben sperare: il settore ad agosto ha registrato un’altra forte espansione con l’indice PMI che si è attestato a 61.5 punti, con la produzione dell’area al di sopra della media storica. 

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Di Maio: «L’Italia non pone veti sul sesto pacchetto di sanzioni»

«L’Italia non pone veti» sul prossimo pacchetto sanzionatorio contro la Russia. Così il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, oggi a Bruxelles per il Consiglio…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Ingresso di Svezia e Finlandia nella nato sarebbe un grosso errore con conseguenze»

«L’adesione di Svezia e Finlandia alla Nato sarebbe un errore con conseguenze di vasta portata e un cambio radicale dello scenario globale». E’ quanto detto…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Nessun preparativo per colloqui Putin-Biden»

Il vice ministro degli Esteri russo, Sergey Ryabkov, ha reso noto che non è in atto nessun preparativo per un eventuale colloquio tra il presidente…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Borrell: «Su embargo petrolio russo non posso garantire accordo»

«Faremo il massimo per sbloccare la situazione, ma non posso garantire che si arrivi ad un accordo perché le posizioni sono abbastanza forti: il mio…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia