Lavoro: il divario Nord-Sud rimane elevato | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro: il divario Nord-Sud rimane elevato

L’emergenza sanitaria ha avuto ripercussioni rilevanti soprattutto sulle componenti più vulnerabili, mentre lo svantaggio del Mezzogiorno resta piuttosto alto

di Redazione

L’emergenza sanitaria seguita alla pandemia da Covid-19 ha avuto ripercussioni rilevanti sul mercato del lavoro, in particolare sulle componenti più vulnerabili (giovani, donne e stranieri) che già partivano da condizioni occupazionali più difficili. Il tasso di occupazione della popolazione in età compresa tra 20 e 64 anni in media Italia è sceso al 62,6% (era 63,5% nel 2019). Nonostante il calo abbia riguardato maggiormente il Nord del Paese, più colpito nella prima ondata pandemica del 2020, lo svantaggio del Mezzogiorno rimane elevatissimo, con un tasso di occupazione del 48%, rispetto al 71,5% del Nord e al 67,4% del Centro. È quanto emerge dall’aggiornamento annuale del sistema di indicatori del Benessere equo e sostenibile dei territori, diffuso dall’Istat.

I cali di occupazione più ingenti, spiega dunque l’Istat, si osservano sia per alcune province del Mezzogiorno, come Sassari, dove il tasso di occupazione per le persone di 20-64 anni passa da 59,7% del 2019 a 53,6% (-6,1 punti percentuali), Vibo Valentia (-4,5 p.p.) e Siracusa (-4,1 p.p.), sia tra le province del Nord, tra cui Cremona (-4,5 p.p.) e Vicenza (-4 p.p.). Tra le donne cali consistenti si rilevano anche nelle province di Benevento, Rovigo e Belluno.

Nel 2020 le prime quattro province con i valori più elevati del tasso di occupazione sono nel Nord-est. La migliore in assoluto risulta Bolzano (77,2%), seguita da Bologna (76,6%), Forlì-Cesena (75,3%) e Trieste (75,1%). Quinta è Firenze (74,3%). All’opposto, tutte le province del Mezzogiorno si collocano nella coda della graduatoria nazionale. Le più penalizzate sono Crotone (35,6%), Vibo Valentia (40%), Caltanissetta (41,2%), Napoli (41,4%) e Foggia (42,6%). Tra il 2010 e il 2020 il tasso di occupazione è aumentato nella maggioranza delle province. Ciononostante è cresciuto anche il gap tra i territori, specialmente per gli uomini. La distanza tra la provincia con il tasso di occupazione maschile più basso e quella con il tasso più elevato passa da 27,8 punti percentuali nel 2010 a 36,4 p.p. nel 2020. 

Per le donne il divario territoriale, già molto ampio nel 2010 (44,2 punti percentuali di differenza tra la provincia con il tasso di occupazione femminile più alto e quella con il tasso più basso) aumenta ulteriormente nel 2020, arrivando a 48,4 punti percentuali. 

Le giornate retribuite nell’anno misurano il grado effettivo di partecipazione all’occupazione dei lavoratori dipendenti e disegnano differenze piuttosto nitide tra le aree del Paese, riflettendo anche la diversa incidenza dell’occupazione discontinua e stagionale nei territori. L’indicatore, di fonte Inps, è calcolato come rapporto percentuale tra le giornate di lavoro complessivamente retribuite nell’anno ai lavoratori dipendenti e il massimo teorico (le 312 giornate annue di un dipendente occupato a tempo pieno). La media Italia, nel 2019, è del 78%, ma il valore dell’indicatore sale all’86% a Lecco, prima in Italia, e scende al 59% a Vibo Valentia.

Anche nel 2019 i livelli più elevati si registrano nelle province del Nord Italia, tra cui Lecco, Vicenza, Lodi, Bergamo e Biella (tutte con valori superiori all’84%). All’opposto, le cinque province con le percentuali più basse di giornate retribuite nell’anno sono nel Mezzogiorno: oltre a Vibo Valentia, Nuoro, Foggia, Salerno e Trapani, tutte con valori compresi tra il 64% e il 65%. Nessuna provincia o città metropolitana del Mezzogiorno raggiunge la soglia delle 80 giornate su 100 mentre nessuna provincia del Nord-ovest scende sotto le 70 giornate su 100, il valore minimo toccato ad Aosta. I minimi del Nord-est e del Centro sono invece rappresentati da Rimini (66%) e Grosseto (69%). 

L’andamento di questo indicatore negli ultimi dieci anni ha registrato in modo generalizzato gli effetti delle crisi economiche e le successive riprese. Il dato aggiornato al 2020 consentirà di valutare in quali territori il livello effettivo di partecipazione all’occupazione ha subito l’impatto più consistente a seguito delle cessazioni dei contratti a termine non rinnovati e del venir meno di nuove assunzioni nel corso della pandemia e nonostante gli ammortizzatori sociali messi in campo per mitigarne gli effetti negativi.

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Di Maio: «L’Italia non pone veti sul sesto pacchetto di sanzioni»

«L’Italia non pone veti» sul prossimo pacchetto sanzionatorio contro la Russia. Così il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, oggi a Bruxelles per il Consiglio…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Ingresso di Svezia e Finlandia nella nato sarebbe un grosso errore con conseguenze»

«L’adesione di Svezia e Finlandia alla Nato sarebbe un errore con conseguenze di vasta portata e un cambio radicale dello scenario globale». E’ quanto detto…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Nessun preparativo per colloqui Putin-Biden»

Il vice ministro degli Esteri russo, Sergey Ryabkov, ha reso noto che non è in atto nessun preparativo per un eventuale colloquio tra il presidente…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Borrell: «Su embargo petrolio russo non posso garantire accordo»

«Faremo il massimo per sbloccare la situazione, ma non posso garantire che si arrivi ad un accordo perché le posizioni sono abbastanza forti: il mio…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia