Amministrative 2021, la guida al voto | T-Mag | il magazine di Tecnè

Amministrative 2021, la guida al voto

Sono 1.192 i comuni al voto domenica 3 e lunedì 4 ottobre, per oltre 12 milioni di elettori. I candidati a Roma, Milano, Napoli, Torino e Bologna

di Redazione

Roma, Milano, Napoli, Torino, Bologna e Trieste i sei capoluoghi di regione coinvolti, più altri 13 capoluoghi di provincia: Benevento, Caserta, Cosenza, Grosseto, Isernia, Latina, Novara, Pordenone, Ravenna, Rimini, Salerno, Savona e Varese. Si va dal comune più grande, Roma appunto, a Morterone, in provincia di Lecco, con appena 27 elettori. In totale sono più di 1.100 i Comuni italiani chiamati al voto, per un numero complessivo di 12.147.040 di elettori distribuiti su 14.505 sezioni. Si vota nei giorni di domenica 3 – dalle 7.00 alle 23.00 – e lunedì 4 ottobre – dalle 7.00 alle 15.00 – per l’elezione diretta dei sindaci, dei consigli comunali e dei consigli circoscrizionali. L’eventuale turno di ballottaggio, previsto nelle città sopra i 15 mila abitanti in cui nessun candidato abbia ottenuto il 50% più uno dei voti validi, è in programma il 17 e 18 ottobre. 

Nelle stesse date del 3-4 ottobre si svolgeranno inoltre le elezioni regionali in Calabria e le elezioni suppletive della Camera dei deputati nella XII circoscrizione Toscana (collegio uninominale 12 – Siena, dove si corre per il seggio lasciato da Pier Carlo Padoan e adesso ambito dal segretario Pd, Enrico Letta, mentre il candidato del centrodestra è l’imprenditore Tommaso Marrocchesi Marzi) e nella circoscrizione XV Lazio 1 (collegio uninominale 11 – Roma – Quartiere Primavalle). Entriamo allora nel dettaglio delle grandi città che andranno al voto. 

Roma

A Roma la partita è particolarmente aperta. La sindaca uscente Virginia Raggi (M5s) verrà sfidata dal candidato del centrodestra Enrico Michetti, dall’ex ministro Roberto Gualtieri per il centrosinistra e dal leader di Azione, Carlo Calenda, più altri 18 candidati. 

Milano

Il sindaco uscente di Milano, Beppe Sala, dovrà invece vedersela con il primario di pediatria del Fatebenefratelli Luca Bernardo (centrodestra) e Layla Pavone (M5s), più altri dieci candidati. 

Napoli

A Napoli Pd e 5Stelle scommettono sull’ex ministro dell’Università e della Ricerca Gaetano Manfredi, mentre il centrodestra sostiene il magistrato Catello Maresca. Nel capoluogo campano sono poi in corsa, tra gli altri, l’ex assessore della giunta De Magistris, Alessandra Clemente, e l’ex sindaco Antonio Bassolino

Torino

A Torino – dove i candidati in totale sono 13 – Pd e M5s vanno divisi. Stefano Lo Russo è infatti il candidato sindaco del centrosinistra, mentre Valentina Sganga corre per il Movimento 5 Stelle. Per il centrodestra è Paolo Damilano ad aspirare a prendere il posto dell’uscente Chiara Appendino

Bologna

Sono otto i candidati a sindaco di Bologna che mirano a sostituire l’uscente Virginio Merola. Il centrodestra sostiene l’imprenditore Fabio Battistini, mentre Matteo Lepore, già assessore della giunta Merola, è il candidato del Pd e dei 5Stelle. 

Regione Calabria

Come si diceva all’inizio anche la Calabria è chiamata alle urne. I candidati alla presidenza – in questo caso è previsto un turno unico – Roberto Occhiuto (centrodestra), Amalia Bruni (Pd-5Stelle), l’uscente sindaco di Napoli Luigi de Magistris e Mario Oliverio, già governatore della regione. 

Informazioni utili

In caso di necessità la tessera elettorale si rinnova presso l’ufficio elettorale del comune di residenza; è opportuno che gli elettori che hanno necessità di rinnovare la tessera elettorale si rechino per tempo presso tale ufficio al fine di evitare una concentrazione delle domande nei giorni immediatamente antecedenti ed in quelli della votazione; l’ufficio elettorale resterà comunque aperto dalle ore 9 alle ore 18 nei due giorni antecedenti la data della consultazione e, nei giorni della votazione, per tutta la durata delle operazioni di voto, e quindi dalle ore 7 alle ore 23 di domenica 23 ottobre e dalle ore 7 alle ore 15 di lunedì 4 ottobre.

I documenti di identità da presentare al momento del voto sono quelli ricompresi in una delle tre seguenti categorie: carta d’identità o altro documento d’identificazione munito di fotografia, rilasciato dalla pubblica amministrazione, anche se scaduto, purché sia sotto ogni altro aspetto regolare ad assicuri l’identificazione dell’elettore; tessera di riconoscimento rilasciata dall’Unione nazionale ufficiali in congedo d’Italia, purché munita di fotografia e convalidata da un Comando militare; tessera di riconoscimento rilasciata da un ordine professionale, purché munita di fotografia.

 

Scrivi una replica

News

Von der Leyen: “Agiremo contro minaccia valori Ue avanzata dalla Polonia”

“Sul rispetto dello stato di diritto in Polonia non permetteremo che i valori Ue siano messi a rischio. La Commissione europea agirà. Le opzioni sono…

19 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Torino, Lo Russo nuovo sindaco: “Voglio che si ascolti la città”

Stefano Lo Russo, candidato del centrosinistra, batte al ballottaggio Paolo Damilano e sarà dunque il nuovo sindaco di Torino.…

19 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Roma, Gualtieri: “Sarò il sindaco di tutti”

“Sarò il sindaco di tutti, delle romane, dei romani e di tutta la città. Inizia un lavoro straordinario per rilanciare Roma e per farla crescere,…

19 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Giappone 232 nuovi casi: sotto i 300 per la prima volta da ottobre 2020

Il ministero della salute giapponese nel bollettino di lunedi 18 ottobre ha riportato 232 nuovi casi di coronavirus, per la prima volta sotto i 300…

19 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia