In Italia la pressione fiscale tornerà ai livelli pre-Covid nel 2026 | T-Mag | il magazine di Tecnè

In Italia la pressione fiscale tornerà ai livelli pre-Covid nel 2026

Quest’anno, riporta il Fiscal monitor del Fondo monetario internazionale, si attesterà al 47,5% e rimarrà su livelli analoghi fino al 2025

di Redazione

Quest’anno, in Italia, la pressione fiscale si attesterà al 47,5%, mostrandosi al di sopra degli ultimi standard precedenti la crisi pandemica e rimarrà su livelli analoghi fino al 2025. È quanto emerge dall’ultimo Fiscal monitor del Fondo monetario internazionale (FMI), secondo cui nel 2022 registrare una performance uguale, per salire leggermente nel 2023 al 47,6%. Valore uguale anche nel 2024, mentre nel 2025 scenderà al 47,4% per poi tornare vicina al 47% nel 2026, quando dovrebbe attestarsi al 47,1%, un livello che comunque sarà ancora superiore al periodo pre pandemia: tra il 2016 ed il 2018 la pressione fiscale era inferiore al 47%. 

Photo by Sumudu Mohottige on Unsplash

Nel report, il FMI spiega poi che la spesa pubblica, pari al 48,6% del PIL nel 2019, è salita al 57,3% nel corso del 2020 a causa delle misure anti covid e della crisi legata ai lockdown, mentre alla fine dell’anno in corso dovrebbe salire al 57,7%. 

A partire dal prossimo anno dovrebbe però tornare a scendere, portandosi al 52,1%, per proseguire il calo negli anni successivi: 51,1% nel 2023, 50,5% nel 2024, 50,1% nel 2025 e 49,4% alla fine dell’orizzonte di previsione. Per quanto riguarda invece il deficit di bilancio, secondo le stime contenute nell’analisi dovrebbe raggiungere il 10,2% per poi ridiscendere gradualmente fino a toccare il 3,5% nel 2023. 

Preoccupante l’andamento del rapporto tra debito e PIL che dopo esser salito dal 134,6% del 2019 al 155,8% del 2020, dovrebbe rimanere ancora su livelli elevati sia quest’anno che il prossimo, rispettivamente al 154,8% e al 150,4%. Nel 2023 scenderà, invece, sotto la soglia dei 150 punti percentuali per arrivare a toccare il 146,5% al termine del 2026.

 

1 Commento per “In Italia la pressione fiscale tornerà ai livelli pre-Covid nel 2026”

Scrivi una replica

News

Ucraina, Di Maio: «L’Italia non pone veti sul sesto pacchetto di sanzioni»

«L’Italia non pone veti» sul prossimo pacchetto sanzionatorio contro la Russia. Così il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, oggi a Bruxelles per il Consiglio…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Ingresso di Svezia e Finlandia nella nato sarebbe un grosso errore con conseguenze»

«L’adesione di Svezia e Finlandia alla Nato sarebbe un errore con conseguenze di vasta portata e un cambio radicale dello scenario globale». E’ quanto detto…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Nessun preparativo per colloqui Putin-Biden»

Il vice ministro degli Esteri russo, Sergey Ryabkov, ha reso noto che non è in atto nessun preparativo per un eventuale colloquio tra il presidente…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Borrell: «Su embargo petrolio russo non posso garantire accordo»

«Faremo il massimo per sbloccare la situazione, ma non posso garantire che si arrivi ad un accordo perché le posizioni sono abbastanza forti: il mio…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia