La transizione energetica è ancora «troppo lenta» | T-Mag | il magazine di Tecnè

La transizione energetica è ancora «troppo lenta»

Con le riduzioni di CO2 annunciate dai paesi, aumento temperature medie globali di 2,1 gradi nel 2100. Dalla transizione anche il mercato del lavoro e l’economia trarrebbero vantaggi

di Redazione

Alcuni paesi, tra cui gli Stati Uniti e quelli dell’Unione europea, si sono impegnati a decarbonizzare i consumi energetici. I nuovi obiettivi (ancora tutti da raggiungere) potrebbero non essere sufficienti per centrare il target minimo stabilito con l’Accordo di Parigi sul clima – mantenere l’aumento delle temperature medie globali a 2 gradi nel 2100 –, denuncia l’Agenzia internazionale dell’energia, nel World Energy Outlook.

«L’aumento delle temperature medie globali è destinato ad arrivare nel 2100 a 2,1 gradi», si legge nel rapporto. «Gli attuali impegni sul clima porterebbero nel 2030 ad appena il 20% della riduzione delle emissioni che sarebbe necessaria per raggiungere il target di zero emissioni al 2050», ha commentato il direttore esecutivo della Iea, Fatih Birol, sottolineando che la transizione verso le energie pulite sta procedendo troppo lentamente.

Secondo Birol, «lo slancio enormemente incoraggiante verso l’energia pulita si scontra con l’ostinata presenza delle fonti fossili nei nostri sistemi energetici». «I governi devono risolvere questo alla Cop26», la conferenza Onu sul clima a Glasgow, dal 31 ottobre al 12 novembre, «dando un segnale chiaro e inequivocabile che sono impegnati ad incrementare rapidamente le tecnologie pulite e resilienti del futuro», ha aggiunto. L’obiettivo “zero emissioni nette al 2050” è lontano, ma non irraggiungibile e non passa soltanto attraverso investimenti consistenti: migliorare l’efficienza, limitare le fughe di gas e l’installazione di impianti eolici (o solari) dove attualmente l’energia elettrica è più competitiva, consentirebbero di abbattere il 40% delle emissioni necessarie. 

A giovarne sarebbero anche il mercato del lavoro e l’economia: secondo il World Energy Outlook, il mercato delle pale eoliche, pannelli solari, batterie al litio elettrolizzatori e celle a combustibile potrebbe superare i 1.000 miliardi di dollari all’anno nel 2050, più o meno pari al valore dell’attuale mercato del petrolio. Con gli obiettivi di decarbonizzazione annunciati attualmente dai paesi, nel 2030 ci saranno 13 milioni di occupati in più nell’energia pulita e nei settori correlati. Un numero che potrebbe raddoppiare, alzando i target di riduzione delle emissioni in modo da arrivare a zero emissioni nette di gas serra al 2050.

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Tajani: «Aiutare Kiev significa lavorare per la pace»

«Aiutare l’Ucraina significa lavorare per la pace». Lo ha detto il ministro degli Esteri, Antonio Tajani, aprendo la prima sessione del G7 a Capri. «Se…

18 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Medio Oriente, Guterres: «C’è il rischio di un conflitto regionale»

«Negli ultimi giorni si è assistito a una pericolosa escalation, un errore di calcolo o un errore di comunicazione potrebbero portare all’impensabile, un conflitto regionale…

18 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fine vita, governo ricorre al Tar contro l’Emilia-Romagna

La presidenza del Consiglio dei ministri e il ministero della Salute hanno depositato il 12 aprile al Tar dell’Emilia-Romagna un ricorso contro la Regione per…

18 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

L’economia mondiale è destinata a ridursi mediamente del 19% entro il 2049 a causa della crisi climatica

L’economia mondiale è destinata a ridursi mediamente del 19% entro il 2049 a causa della crisi climatica. Lo sostiene una proiezione realizzata dall’Istituto tedesco di…

18 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia