Con la pandemia l’immigrazione è diminuita | T-Mag | il magazine di Tecnè

Con la pandemia l’immigrazione è diminuita

Le iscrizioni anagrafiche dall’estero ammontano a 247.526 nel 2020 (-25,6% rispetto al 2019) con la componente dovuta agli ingressi di cittadini stranieri che si attesta a 192mila unità(-27,5%). I dati Istat

La dinamica dei flussi migratori con l’estero è stata sensibilmente condizionata dal dispiegarsi della pandemia sia direttamente, per l’impatto delle chiusure e riaperture delle frontiere, sia verosimilmente per la rimodulazione dei progetti migratori in una fase caratterizzata da incertezza. Così l’Istat nell’indagine sulle Iscrizioni e cancellazioni anagrafiche.

Le iscrizioni anagrafiche dall’estero ammontano a 247.526 nel 2020 (-25,6% rispetto al 2019); la componente dovuta agli ingressi di cittadini stranieri è pari a 192mila (-27,5%), quella dovuta ai rimpatri ammonta a 56mila (-18,2%). A livello nazionale il tasso di immigratorietà totale è pari a quattro immigrati per 1.000 residenti (-1,4 punti per 1.000 rispetto all’anno precedente).

Il calo già delineato nel 2019, soprattutto per la componente straniera, si riflette moderatamente anche nei mesi precedenti l’emergenza sanitaria. Aumentano di poco solo le immigrazioni provenienti dai paesi Ue (+1,8% rispetto al 2019) mentre diminuiscono i flussi dagli altri paesi europei (-4%), dall’Africa (-6,8%), dall’Asia (-7,6%) e da America e Oceania (-9,3%).

Durante la prima ondata pandemica (marzo-maggio 2020), si riducono molto, rispetto al 2019, le immigrazioni da tutte le aree di origine: -54% dai paesi europei, -73% dai paesi asiatici e oltre il 70% in meno dall’Africa e da America e Oceania. Nella fase di transizione (giugno-settembre 2020) l’allentamento delle misure restrittive produce una variazione positiva solo per le iscrizioni anagrafiche provenienti dai paesi Ue (+20% rispetto al 2019), mentre continuano a essere di segno negativo quelle dai paesi europei extra Ue (-14,1%), dall’Africa (-18%), dall’Asia (-26,4%) e dall’America e Oceania (-41%).


Le nuove misure restrittive messe in atto per fronteggiare la seconda ondata (ottobre-dicembre 2020) non sembrano procurare ulteriori riduzioni ai trasferimenti dall’estero. In questa fase, terminata soltanto nei primi mesi del 2021, le immigrazioni subiscono un calo meno drastico (-13,8%) rispetto alla prima ondata, si registra invece una variazione positiva per le iscrizioni provenienti dai paesi Ue (+17,8%); in forte flessione le immigrazioni provenienti dagli altri paesi europei (-24,7%), da America e Oceania (-39,5%); più contenute quelle provenienti dai paesi asiatici e africani (rispettivamente, -18% e -11%).

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, inflazione CPI sotto le stime a maggio: 3,3%

A maggio l’inflazione CPI statunitense ha rallentato dal 3,4% al 3,3%. Rispetto al mese precedente l’indice dei prezzi al consumo è rimasto stabile, dopo il…

12 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Concommercio: in undici anni chiuso un negozio ogni quattro

Nell’arco degli ultimi undici anni ha chiuso i battenti il 25% dei negozi italiani. È quanto ricordato dal presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, nel corso…

12 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ortofrutta, export italiano su dell’1,6% nel I trimestre

Nel primo trimestre del 2024 l’ufficio studi di Fruitimpresa ha registrato un aumento dell’1,6% in volume delle esportazioni di prodotti ortofrutticoli italiani (+2,5% in valore)…

12 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi su auto elettriche, la Cina: «Difenderemo diritti delle nostre imprese»

La Cina «adotterà risolutamente tutte le misure necessarie per difendere con fermezza i diritti e gli interessi legittimi delle aziende cinesi». Cos’ il ministero del…

12 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia