Bce: “Con razionamento del 10% del gas, impatto negativo dello 0,7% sul Pil” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Bce: “Con razionamento del 10% del gas, impatto negativo dello 0,7% sul Pil”

I prezzi del petrolio e del gas naturale dovrebbero segnare il loro picco nel corso di questo primo trimestre dell’anno, con il gas in particolare che raggiungerà un rincaro di quasi il 600% rispetto al primo trimestre del 2021. E questa stangata ridurrà di 0,2 punti la crescita del PIL dell’area euro sul 2022. E’ quanto emerge dalle stime della Banca Centrale Europea contenute, in uno studio sulla dipendenza dal gas naturale che viene anticipato dal bollettino economico in pubblicazione giovedì. La BCE ha anche effettuato una simulazione su quello che sarebbe l’impatto di un “ipotetico shock da razionamento del 10% sul gas sul settore industriale: dovrebbe ridurre il valore aggiunto dell’area euro di circa lo 0,7%”, si legge. Uno studio che viene pubblicato proprio mentre le forniture di gas all’Europa vengono complicate dall’acuirsi delle tensioni geopolitiche tra Usa e Nato, da una parte, e Russia, dall’altra, sull’Ucraina. “Le perdite sarebbero particolarmente significative nei paesi dove la produzione dipende più dal gas e dove la produzione di elettricità, Gas e forniture di aria condizionata rappresentano una quota considerevole di valore aggiunto”, conclude la Bce. 

 

Scrivi una replica

News

Mosca: «Ingresso di Svezia e Finlandia nella nato sarebbe un grosso errore con conseguenze»

«L’adesione di Svezia e Finlandia alla Nato sarebbe un errore con conseguenze di vasta portata e un cambio radicale dello scenario globale». E’ quanto detto…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Nessun preparativo per colloqui Putin-Biden»

Il vice ministro degli Esteri russo, Sergey Ryabkov, ha reso noto che non è in atto nessun preparativo per un eventuale colloquio tra il presidente…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Borrell: «Su embargo petrolio russo non posso garantire accordo»

«Faremo il massimo per sbloccare la situazione, ma non posso garantire che si arrivi ad un accordo perché le posizioni sono abbastanza forti: il mio…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «Debito pubblico sale a 2.755 miliardi, a marzo +19 miliardi»

Bankitalia ha reso noto che il debito pubblico italiano si è attestato a marzo a 2.755,4 miliardi in crescita di 18,9 miliardi rispetto al mese…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia