Il quadro economico internazionale alla luce delle tensioni geopolitiche | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il quadro economico internazionale alla luce delle tensioni geopolitiche

Ai pre-esistenti fattori di rischio al ribasso, osserva l’Istat, la crisi ucraina ha innescato un’ulteriore accelerazione dei prezzi delle commodity energetiche e alimentari, giunti a livelli eccezionalmente elevati

di Redazione

Ai pre-esistenti fattori di rischio al ribasso che caratterizzavano la congiuntura mondiale si è aggiunta la crisi geopolitica internazionale che ha innescato un’ulteriore accelerazione dei prezzi delle commodity energetiche e alimentari, giunti a livelli eccezionalmente elevati, osserva l’Istat nella consueta nota mensile sull’andamento dell’economia italiana, introdotta dal quadro economico internazionale. Così Le recenti tensioni geopolitiche, spiega giustappunto l’Istat, hanno finora determinato un eccezionale aumento delle quotazioni delle commodity energetiche e alimentari che dovrebbe colpire in misura maggiore i paesi europei fortemente dipendenti dalle importazioni di gas naturale russo. La crisi si è inserita all’interno di un periodo di ripresa economica internazionale caratterizzata da un particolare dinamismo degli scambi mondiali.

Il 2021, è l’analisi, si è chiuso con un ulteriore aumento del commercio mondiale di merci in volume (+1,1% in termini congiunturali a dicembre, fonte: Cpb) che ha portato l’incremento annuo al 10,3%, su livelli decisamente superiori a quelli del periodo pre-Covid. Il PMI globale sui nuovi ordinativi all’export di febbraio, rilevato però prima dell’inizio dell’invasione dell’Ucraina, manteneva un orientamento favorevole. Al momento, nonostante le sanzioni economiche e finanziarie nei confronti della Russia, la trasmissione della crisi attraverso il canale commerciale è ancora limitata. Le quote di esportazioni dell’area euro, Stati Uniti e Cina verso la Russia sono infatti contenute.

Nell’area dell’euro, a febbraio, l’inflazione al consumo ha toccato un nuovo massimo dal 1998 (+5,8 tendenziale), sostenuta dall’andamento della componente dell’energia (+31,7% tendenziale) che ne spiega direttamente più della metà della crescita. Nello stesso mese, anche l’indice core al netto dell’energia e degli alimentari freschi ha segnato un’accelerazione (+2,9% dal +2,4% di gennaio), diffusa ai beni e ai servizi. A gennaio, il tasso di disoccupazione ha toccato un nuovo minimo (+6,8% da un precedente +7%) e le vendite al dettaglio in volume hanno segnato marginale aumento (+0,2% congiunturale) dopo la decisa flessione di dicembre (-2,7%). L’indice di fiducia economica misurato dalla Commissione Europea ESI (che non incorporava ancora l’impatto dell’inizio dell’invasione da parte della Russia), dopo tre cali consecutivi, è aumentato nuovamente a febbraio.

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, inflazione CPI sotto le stime a maggio: 3,3%

A maggio l’inflazione CPI statunitense ha rallentato dal 3,4% al 3,3%. Rispetto al mese precedente l’indice dei prezzi al consumo è rimasto stabile, dopo il…

12 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Concommercio: in undici anni chiuso un negozio ogni quattro

Nell’arco degli ultimi undici anni ha chiuso i battenti il 25% dei negozi italiani. È quanto ricordato dal presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, nel corso…

12 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ortofrutta, export italiano su dell’1,6% nel I trimestre

Nel primo trimestre del 2024 l’ufficio studi di Fruitimpresa ha registrato un aumento dell’1,6% in volume delle esportazioni di prodotti ortofrutticoli italiani (+2,5% in valore)…

12 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi su auto elettriche, la Cina: «Difenderemo diritti delle nostre imprese»

La Cina «adotterà risolutamente tutte le misure necessarie per difendere con fermezza i diritti e gli interessi legittimi delle aziende cinesi». Cos’ il ministero del…

12 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia