Coronavirus: a livello mondiale contagi di nuovo in aumento | T-Mag | il magazine di Tecnè

Coronavirus: a livello mondiale contagi di nuovo in aumento

Contagi nuovamente in crescita, a livello globale. A riferirlo è l’Oms, l’Organizzazione mondiale della Sanità, sottolineando che l’aumento dei nuovi casi non si riflette sui decessi, che invece diminuiscono. «Dopo una consistente diminuzione da fine gennaio 2022, per la seconda settimana consecutiva è aumentato il numero di nuovi casi» di Covid-19 a livello mondiale, sottolinea il rapporto settimanale dell’Oms, diffuso nei giorni in cui molti Paesi, tra cui l’Italia, hanno annunciato l’allentamento delle misure restrittive che erano state introdotte per limitare la diffusione del virus. Meno restrizioni e la fine dello stato d’emergenza, che il 31 marzo non sarà prorogato, non significano infatti la conclusione della pandemia. Nel periodo compreso tra il 14 e il 20 marzo, sono stati registrati oltre 12 milioni di nuovi casi – su base settimanale, l’incremento è stato del 7% (dal 7 al 13 marzo, l’aumento era stato dell’8%) – mentre sul fronte decessi, che sono stati poco meno di 33 mila, si è confermato «un trend decrescente»: -23% negli ultimi 7 giorni (-17% nei sette giorni precedenti). Considerando questi ultimi dati, dallo scoppio dell’emergenza sanitaria, dunque, il totale contagi ha superato così i 468 milioni, mentre le morti complessive sono oltre 6 milioni. In Europa, «il numero di nuovi casi settimanali sembra essersi stabilizzato con oltre 5,2 milioni» di contagi dal 14 al 20 marzo, aggiunge l’Oms, sottolineando che i Paesi europei, che registrano aumenti del 20% o superiori al 20%, sono scesi da 12 a 10. «Queste tendenze dovrebbero essere interpretate con cautela poiché diversi Paesi stanno progressivamente modificando le strategie di test, con una riduzione del numero totale di tamponi eseguiti e quindi dei casi rilevati», puntualizza l’OMS. Continuano a calare i decessi: sono stati 13 mila negli ultimi 7 giorni, pari al 18% in meno rispetto alla settimana precedente. Russia (3.681, -19%), Germania (1.345, -8%) e Italia (910, -9%) sono i Paesi europei che hanno registrato il numero più alto di nuove morti.

 

Scrivi una replica

News

Iohannis ritira candidatura, Rutte prossimo segretario generale Nato

Con il ritiro della candidatura da parte del presidente della Romania, Klaus Iohannis, sembra ormai sicura la successione di Mark Rutte a Jens Stoltenberg alla…

20 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

UE a Hezbollah: «Minacce a Cipro sono minacce a tutta l’Unione»

«Cipro è uno Stato membro dell’UE, ogni minaccia a Cipro è una minaccia a tutta l’Unione europea». Così il portavoce del Servizio di azione esterna…

20 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, il leader del Cremlino Putin in visita ad Hanoi

L’indomani della visita in Corea del Nord in cui Vladimir Putin e Kim Jong-un hanno siglato un accordo di cooperazione strategica, il presidente russo si…

20 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

In Italia uno dei tassi di fecondità più bassi dell’area Ocse

Nell’area dei Paesi Ocse, il tasso di fecondità totale «più basso si registra in Italia e in Spagna, con 1,2 figli per donna e più,…

20 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia