Il “peso” della guerra in Ucraina su economia e inflazione dell’Eurozona | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il “peso” della guerra in Ucraina su economia e inflazione dell’Eurozona

Rallenta l’attività economica, con l’indice PMI in discesa. Secondo la Bce il conflitto produrrà un «impatto rilevante»

di Redazione

È atteso un «impatto rilevante» sull’economia e sull’inflazione nell’area euro dalla guerra in Ucraina e dalle sanzioni contro la Russia. Tali conseguenze si produrranno «attraverso il rincaro dell’energia e delle materie prime, le turbative del commercio internazionale e il peggioramento del clima di fiducia». A rilevarlo è la Banca centrale europea nel bollettino economico, aggiungendo che l’entità degli effetti «dipenderà dall’evoluzione del conflitto, dall’impatto delle sanzioni attuali e da eventuali ulteriori misure».

Ad ogni modo, come deciso dal Consiglio direttivo del 10 marzo, «se i nuovi dati confermeranno l’aspettativa che le prospettive di inflazione a medio termine non si indeboliranno, si porrà termine agli acquisti netti» di titoli nel terzo trimestre. Se invece le prospettive di inflazione a medio termine dovessero moderarsi o le condizioni di finanziamento risulteranno incoerenti con ulteriori progressi verso il conseguimento dell’obiettivo del 2%, «il Consiglio direttivo sarà pronto a rivedere il calendario degli acquisti netti di attività in termini di entità e/o durata».

Secondo la Bce, l’inflazione è aumentata al 5,8% a febbraio dal 5,1% di gennaio, mentre le previsioni descrivono un ulteriore salita nel breve termine. «L’inflazione energetica, che ha raggiunto il 31,7% a febbraio, continua a essere la ragione principale dell’alto tasso di inflazione generale e sta spingendo al rialzo i prezzi in molti altri settori. I costi dell’energia sono aumentati ulteriormente nelle ultime settimane e ci sarà una maggiore pressione su alcuni prezzi di generi alimentari e materie prime a causa della guerra in Ucraina».

L’impatto dell’invasione russa in Ucraina si fa dunque sentire sui livelli di attività economica dell’Eurozona, dove a marzo IHS Markit ha registrato un rallentamento dell’indice PMI, sceso a 54.5 punti dai 55.5 di febbraio. Gli effetti della guerra, tuttavia, sono stati controbilanciati dall’allentamento diffuso a quasi tutta l’area delle misure anti-Covid, che ha comportato una ripresa della domanda. Ma gli effetti potrebbero svanire nei prossimi mesi. 

A frenare maggiormente è stata la produzione manifatturiera, il cui tasso di espansione è crollato ai minimi dallo scorso ottobre, soffrendo soprattutto i nuovi ordini dall’estero. Male anche i servizi che, nonostante l’allentamento delle restrizioni, hanno fatto i conti con un aumento della domanda lieve, soprattutto se confrontata con i livelli di febbraio. Attualmente, spiega poi IHS Markit nell’analisi, l’impatto maggiore della guerra si è registrato sui prezzi, «con le aziende che hanno ampiamente collegato l’invasione dell’Ucraina al nuovo aumento dei costi di gestione, peggiorando gli equilibri tra domanda e offerta e causando un’impennata dei prezzi energetici». Sia i prezzi medi di acquisto del manifatturiero che quelli del terziario hanno superato di molto ogni record registrato dal 1998.

 

Scrivi una replica

News

Ue, Draghi: «Abbiamo bisogno di un cambiamento radicale»

«Abbiamo bisogno di un’Unione europea che sia adatta al mondo di oggi e di domani. Quello che proporrò nel mio report è un cambiamento radicale: questo…

16 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, Lagarde: «A breve un taglio ai tassi di interesse, se non ci saranno altri shock»

«La Bce taglierà i tassi di interesse a giugno? Stiamo osservando un processo disinflazionistico. Se si muove in linea con le nostre attese ci avviamo…

16 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Nel 2023 oltre 12mila missioni di soccorso sono state condotte dal Soccorso Alpino e Speleologico»

Sono stati oltre 12mila le missioni di soccorso condotte al Soccorso Alpino e Speleologico, nel 2023. Complessivamente sono state 12.365 le persone soccorse, di cui…

16 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Internet, i bot generano il 32% del traffico complessivo

Il 32% complessivo del traffico Internet sono bot dannosi, sistemi automatizzati specializzati nel creare danni ai siti, truffe, disinformazione o invadere le mail di spam.…

16 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia