Il “peso” della guerra in Ucraina su economia e inflazione dell’Eurozona | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il “peso” della guerra in Ucraina su economia e inflazione dell’Eurozona

Rallenta l’attività economica, con l’indice PMI in discesa. Secondo la Bce il conflitto produrrà un «impatto rilevante»

di Redazione

È atteso un «impatto rilevante» sull’economia e sull’inflazione nell’area euro dalla guerra in Ucraina e dalle sanzioni contro la Russia. Tali conseguenze si produrranno «attraverso il rincaro dell’energia e delle materie prime, le turbative del commercio internazionale e il peggioramento del clima di fiducia». A rilevarlo è la Banca centrale europea nel bollettino economico, aggiungendo che l’entità degli effetti «dipenderà dall’evoluzione del conflitto, dall’impatto delle sanzioni attuali e da eventuali ulteriori misure».

Ad ogni modo, come deciso dal Consiglio direttivo del 10 marzo, «se i nuovi dati confermeranno l’aspettativa che le prospettive di inflazione a medio termine non si indeboliranno, si porrà termine agli acquisti netti» di titoli nel terzo trimestre. Se invece le prospettive di inflazione a medio termine dovessero moderarsi o le condizioni di finanziamento risulteranno incoerenti con ulteriori progressi verso il conseguimento dell’obiettivo del 2%, «il Consiglio direttivo sarà pronto a rivedere il calendario degli acquisti netti di attività in termini di entità e/o durata».

Secondo la Bce, l’inflazione è aumentata al 5,8% a febbraio dal 5,1% di gennaio, mentre le previsioni descrivono un ulteriore salita nel breve termine. «L’inflazione energetica, che ha raggiunto il 31,7% a febbraio, continua a essere la ragione principale dell’alto tasso di inflazione generale e sta spingendo al rialzo i prezzi in molti altri settori. I costi dell’energia sono aumentati ulteriormente nelle ultime settimane e ci sarà una maggiore pressione su alcuni prezzi di generi alimentari e materie prime a causa della guerra in Ucraina».

L’impatto dell’invasione russa in Ucraina si fa dunque sentire sui livelli di attività economica dell’Eurozona, dove a marzo IHS Markit ha registrato un rallentamento dell’indice PMI, sceso a 54.5 punti dai 55.5 di febbraio. Gli effetti della guerra, tuttavia, sono stati controbilanciati dall’allentamento diffuso a quasi tutta l’area delle misure anti-Covid, che ha comportato una ripresa della domanda. Ma gli effetti potrebbero svanire nei prossimi mesi. 

A frenare maggiormente è stata la produzione manifatturiera, il cui tasso di espansione è crollato ai minimi dallo scorso ottobre, soffrendo soprattutto i nuovi ordini dall’estero. Male anche i servizi che, nonostante l’allentamento delle restrizioni, hanno fatto i conti con un aumento della domanda lieve, soprattutto se confrontata con i livelli di febbraio. Attualmente, spiega poi IHS Markit nell’analisi, l’impatto maggiore della guerra si è registrato sui prezzi, «con le aziende che hanno ampiamente collegato l’invasione dell’Ucraina al nuovo aumento dei costi di gestione, peggiorando gli equilibri tra domanda e offerta e causando un’impennata dei prezzi energetici». Sia i prezzi medi di acquisto del manifatturiero che quelli del terziario hanno superato di molto ogni record registrato dal 1998.

 

Scrivi una replica

News

Visco: «Ok rialzo tassi dall’estate, ma in maniera graduale»

«Il rischio di deflazione è alle nostre spalle. Abbiamo mantenuto i tassi di interesse ufficiali a lungo negativi, per far fronte a questi rischi, e rispondere…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Produzione nelle costruzioni ai massimi dal 2011 nel mese di marzo»

«A marzo 2022 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni aumenti del 2,0% rispetto a febbraio 2022. Nella media del primo trimestre 2022, al…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Nuove basi militari in risposta ad allargamento Nato»

«La Russia creerà nuove basi militari in risposta all’allargamento della Nato». Lo ha annunciato  il ministro della difesa russo Sergei Shoigu. Il Ministro ha evidenziato…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Von der Leyen: «Erogati 600milioni di euro di prestiti a Kiev»

«Oggi abbiamo erogato una nuova tranche di 600 milioni di euro di assistenza macrofinanziaria all’Ucraina. E arriverà: abbiamo proposto un prestito aggiuntivo di 9 miliardi…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia