Turismo ancora in affanno, ma a Pasqua si torna a viaggiare | T-Mag | il magazine di Tecnè

Turismo ancora in affanno, ma a Pasqua si torna a viaggiare

Il 2021 si è rivelato un anno ancora lontano dai valori pre-pandemia, ma in vista delle imminenti festività saranno 14 milioni gli italiani in viaggio

di Redazione

Il 2021 è stato l’anno della ripresa del turismo, ma meno di quanto in verità fosse auspicabile. Anche gli ultimi dati Istat al riguardo lo confermano: se la crescita rispetto al 2020 è stata, come immaginabile, piuttosto evidente, i dati sono ancora piuttosto lontani dai valori pre-pandemia. Ma al contrario di quanto previsto in un primo momento e al netto delle incertezze del momento dovute al conflitto in Ucraina, già a Pasqua qualcosa dovrebbe tornare a muoversi.

Photo by Gabriel Castles on Unsplash

Nel 2021, ha spiegato l’Istat nel relativo report diffuso nelle ultime ore, il turismo dei residenti è risultato ancora fortemente limitato dalle restrizioni dovute alla pandemia da Covid-19. Dopo la caduta del primo semestre, nella seconda parte dell’anno si è registrata una ripresa sia per i viaggi in Italia (+18% sul secondo semestre 2020), sia per le mete straniere (+30%). L’anno si è chiuso con un numero di viaggi con pernottamento (41,6 milioni) sostanzialmente stabile rispetto al 2020, ma ancora molto lontano da quello pre-pandemia (-40% rispetto al 2019). I viaggi all’estero diminuiscono del 74% (87 milioni di notti in meno) e i viaggi in Italia del 32% (41 milioni le notti perse) rispetto ai due anni precedenti. Cresce però la durata media nel confronto con il 2020: le notti trascorse in viaggio sono il 22% in più (281,5 milioni, 30% in meno sul 2019).

Ma a Pasqua, nonostante il periodo caratterizzato dal caro-bollette e dai rincari in generale, saranno circa 14 milioni gli italiani in viaggio, che spenderanno in media 504 euro (comprensivi di trasporto, alloggio, cibo e divertimenti), per un giro d’affari di sette miliardi. Sono cifre che emergono da una recente indagine Federalberghi. Tra i viaggiatori di Pasqua, i quali in diversi casi approfitteranno del ravvicinato 25 aprile, l’89,5% ha deciso di rimanere in Italia. Tra le mete preferite il mare (28,9%), le località d’arte (28,7%), la montagna (16,4%), i laghi (4,6%) e le località termali (2,2%). Le capitali europee (57,8%) sono invece le mete più richieste tra quanti viaggeranno all’estero, seguite dalle località di mare (13,3%), dalle città extraeuropee (11,1%) e dai viaggi in crociera (10%).

 

Scrivi una replica

News

Meloni: «La Shoah fu un abisso dell’umanità»

«La Shoah rappresenta l’abisso dell’umanità. Un male che ha toccato in profondità anche la nostra Nazione con l’infamia delle leggi razziali del 1938. È nostro…

27 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Maturità 2023: latino al classico, matematica allo scientifico

Latino al classico, matematica allo scientifico. Sono state annunciate le materie della seconda prova per l’esame di Maturità 2023, che torna a svolgersi secondo quanto…

27 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Aiea: ieri esplosioni vicino a centrale nucleare di Zaporizhzhia

Potenti esplosioni vicino alla centrale nucleare di Zaporizhzhia occupata dai russi sono avvenute ieri durante l’attacco missilistico da parte delle forze di Mosca contro l’Ucraina.…

27 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Iran: attacco all’ambasciata azera, una vittima

Un morto e due persone rimaste ferite è il bilancio di un assalto all’ambasciata dell’Azerbaigian in Iran. Lo ha reso noto il ministero degli Esteri…

27 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia