Migliora l’attività dell’Eurozona ad aprile | T-Mag | il magazine di Tecnè

Migliora l’attività dell’Eurozona ad aprile

I dati preliminari indicano una crescita dell’indice PMI composito della produzione a 55.8 punti dai 54.9 di marzo

di Redazione

Dalla lettura dei dati preliminari ‘flash’, l’Indice principale PMI® S&P Global Composito dell’Eurozona è salito ad aprile a 55.8 da 54.9 di marzo, segnalando il più forte tasso di espansione da settembre. Similmente, la crescita dei nuovi ordini è accelerata mostrando un rilancio delle condizioni della domanda, nonostante abbia segnato il secondo mese consecutivo di calo delle esportazioni di beni e servizi. Le tendenze di crescita dei settori hanno indicato ritmi molto diversi. L’attività economica terziaria è aumentata al tasso più veloce da agosto grazie al calo dei contagi da Covid-19 e l’associato allentamento delle restrizioni. 

Secondo l’Indice S&P Global di Contenimento del Covid19, aprile ha indicato la riduzione delle misure anti pandemiche al valore minore dall’inizio della pandemia. Sostenuto dalla ripresa della domanda, anche il flusso dei nuovi ordini ricevuti dai servizi ha indicato il più rapido aumento da agosto. Questo rialzo è stato guidato dal boom dell’attività turistica e ricreativa che ha indicato un’impennata senza precedenti. Al contrario, la crescita della produzione manifatturiera di aprile è diminuita quasi allo stallo, registrando l’espansione minore dal secondo trimestre 2020, ovvero da inizio pandemia

Il settore auto è stato particolarmente colpito indicando un calo netto ed elevato della produzione, e comunque anche tutti gli altri principali settori produttivi, tranne quelli dei beni tecnologici, hanno riportato espansioni più lente, stagnazioni o vere e proprie contrazioni. Molte aziende hanno segnalato una frenata della produzione dovuta alle attuali difficoltà degli approvvigionamenti, con aprile che ha indicato diffusi allungamenti dei tempi di consegna. I disagi legati alla guerra in Ucraina e le nuove chiusure anti pandemiche in Cina hanno aggravato le difficoltà già esistenti sulla catena di distribuzione. In aggiunta, l’indagine ha rilevato anche un raffreddamento della domanda manifatturiera. I nuovi ordini di beni hanno infatti indicato l’aumento più debole da giugno 2020, registrando un incremento solo modesto. Il calo degli ordini è stato imputato all’impennata dei prezzi, alla pressione sul costo della vita e ai segnali di una maggiore avversione al rischio dovuta al conflitto russo-ucraino, ma anche allo spostamento della spesa su attività pertinenti al settore terziario. 

Anche all’interno dell’eurozona le tendenze produttive sono state diverse. In Germania la crescita è rallentata ai minimi in tre mesi, con la prima contrazione manifatturiera da giugno 2020 che ha controbilanciato la più rapida accelerazione dell’espansione del settore terziario da agosto. In Francia invece, si è registrata la crescita più rapida da gennaio 2018, con un incremento modesto della produzione manifatturiera unito alla più forte impennata dell’attività terziaria da inizio 2018. La crescita è accelerata anche nel resto dell’eurozona, segnando il valore più alto in cinque mesi grazie alla migliorata prestazione del terziario. 

L’occupazione ha indicato l’incremento più elevato in cinque mesi, con le assunzioni frenate in molte aziende dalla carenza di personale, spesso dovuta alla pandemia. L’incidenza dei disagi dell’offerta di manodopera, unita alla carenza di materie prime, si sono tradotte in lavoro inevaso che ha continuato ad aumentare a tasso forte nel mese di aprile. Se il manifatturiero ha registrato il minore aumento delle commesse in giacenza, l’accumulo di commesse inevase del terziario ha toccato il valore più alto da luglio scorso. I disagi degli approvvigionamenti hanno aggiunto nuove pressioni al rialzo sui prezzi. 

Sebbene l’inflazione dei prezzi di acquisto si sia leggermente indebolita, l’aumento è stato il secondo più alto dal 1998, quando i dati comparabili sono stati per la prima volta disponibili, con alla guida il nuovo valore record tedesco. Le aziende, oltre a menzionare l’aumento del prezzo delle materie prime, hanno anche citato i rincari energetici e del costo del lavoro. I costi maggiori sono stati trasferiti sui clienti, generando il più alto rialzo dei prezzi di vendita di beni e servizi mai registrato prima dall’indagine, indicando una netta accelerazione rispetto al record assoluto di marzo. Sia per i beni che per i servizi si sono registrati nuovi tassi record di inflazione. 

Nonostante le crescenti pressioni inflazionistiche, i disagi sulla catena di rifornimento e la guerra in Ucraina, le proiezioni ottimistiche per i prossimi dodici mesi sono leggermente migliorate rispetto a marzo, restando però più cupe rispetto all’inizio dell’anno. Il miglioramento delle aspettative è stato guidato dal settore terziario e rispecchia principalmente la speranza di maggiori spinte di crescita dovute al risveglio della domanda post-pandemica. Se l’ottimismo è aumentato anche nel manifatturiero, le prospettive del settore sono rimaste più cupe rispetto ai due anni passati.

(fonte: Ihs Markit)

 

Scrivi una replica

News

Visco: «Ok rialzo tassi dall’estate, ma in maniera graduale»

«Il rischio di deflazione è alle nostre spalle. Abbiamo mantenuto i tassi di interesse ufficiali a lungo negativi, per far fronte a questi rischi, e rispondere…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Produzione nelle costruzioni ai massimi dal 2011 nel mese di marzo»

«A marzo 2022 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni aumenti del 2,0% rispetto a febbraio 2022. Nella media del primo trimestre 2022, al…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Nuove basi militari in risposta ad allargamento Nato»

«La Russia creerà nuove basi militari in risposta all’allargamento della Nato». Lo ha annunciato  il ministro della difesa russo Sergei Shoigu. Il Ministro ha evidenziato…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Von der Leyen: «Erogati 600milioni di euro di prestiti a Kiev»

«Oggi abbiamo erogato una nuova tranche di 600 milioni di euro di assistenza macrofinanziaria all’Ucraina. E arriverà: abbiamo proposto un prestito aggiuntivo di 9 miliardi…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia