«Monitor Italia», il consenso ai partiti e la fiducia nel governo | T-Mag | il magazine di Tecnè

«Monitor Italia», il consenso ai partiti e la fiducia nel governo

Fratelli d’Italia primo partito. Cresce il Pd, crollo M5s. Cala ancora la fiducia in Draghi e nel governo: i risultati dell’ultimo sondaggio Tecnè-Dire

di Redazione

Avanza ancora Fratelli d’Italia (23,3%, +0,3% rispetto alla precedente rilevazione) e si conferma primo partito, ma è il Pd a registrare la crescita più ampia (22,9%, +1,4%), mentre arretra la Lega al 14,9% (-0,3%) e il M5s, anche alla luce dei suoi recenti sviluppi, registra un crollo, attestandosi ora al 9,3% (-3%), superata da Forza Italia (9,9%, +0,1%): è quanto emerge dall’ultimo Monitor Italia di Tecnè per l’Agenzia Dire, diffuso il 25 giugno 2022. Se si votasse oggi, inoltre, risulterebbe ancora in aumento l’area che comprende Azione e +Europa otterrebbe (5,3%, +0,4%). In crescita anche Italia Viva (2,7%, +0,1), Italexit con Paragone (2,5%, +0,2%), Europa Verde (2,3%, +0,3%) e Sinistra italiana (2,2%, +0,2%). Gli altri partiti raccoglierebbero il 4,7% delle preferenze. L’area dell’astensione/incerti si attesta al 44,9% (dichiara il voto il 55,1% del campione).

Il borsino delle coalizioni

A livello di coalizioni, sale il centrodestra (al 49,3%), mentre registra un calo il centrosinistra (36,3%), andamenti che confermano l’ampio distacco a favore del primo. Ancora in crescita l’area di centro (8%).

I giudizi sul presidente del Consiglio e sul governo

In lieve discesa i giudizi positivi per Mario Draghi, secondo Tecnè, che si attestano ora al 52,6%, mentre salgono quelli negativi al 41,7%. Per quanto riguarda il governo, i giudizi positivi si collocano al 46,2% (in diminuzione dello 0,2%), superati da quelli negativi al 48,9% (+0,4%).

Clima economico

Per il 55,3% (+1,1%) degli intervistati da Tecnè, il clima economico in Italia peggiorerà nei prossimi mesi. Appena il 13,2% si dice più ottimista, mentre diminuisce la quota di quanti prospettano una situazione economica stabile (31,5%, -0,4%).

NOTA METODOLOGICA
Campione rappresentativo della popolazione maggiorenne residente in Italia, articolato per
sesso, età, area geografica
Estensione territoriale: intero territorio nazionale
Interviste effettuate il 23-24 giugno 2022 con metodo cati – cawi
Margine di errore: 3,1% sull’intero campione
Totale contatti: 7.008 (100%) – rispondenti: 1.000 (14,3%) – rifiuti/sostituzioni: 6.008 (85,7%)
Soggetto che ha realizzato il sondaggio: Tecnè srl
Committente: Agenzia Dire
Il documento completo sul sito: sondaggipoliticoelettorali.it

 

1 Commento per “«Monitor Italia», il consenso ai partiti e la fiducia nel governo”

  1. Ludovico R M Caprara

    Mi sembra che l’unica via di uscita per noi e per un periodo di almeno 5 anni, sia di costruire una maggioranza atipica rispetto ai partiti esistenti, costituita da politici di spicco in questi partiti, che siano capaci di dire : un momento. Riflettiamo onestamente e senza creare illusioni al paese ed a noi politici in primis. Dalle elezioni non uscirà una maggioranza capace di governare e gestire la situazione come sta’ tentando di fare, vituperato ormai da molti media, Draghi. Che, da quanto si legge oggi, sta incredibilmente creando un PIL non solo in crescita, ma in proporzioni non previste da nessuno. Draghi, criticatissimo, si pronuncia il meno possibile ed agisce senza far rumore. Per fini elettorali, c’è chi, pur facendo parte della maxi coalizione che lo sostiene, fa distinguo, critica e rema controcorrente. Per ora perdendo consensi, per fortuna, e creando scissioni partitiche ulteriori. Letta vincitore delle mini amministrative? Non direi, i tre leader del centrodestra i perdenti non avendo raggiunto accordi sui candidati. Risultato irrilevante per il futuro.

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, rinviato il viaggio a Pechino del segretario di Stato Blinken

Il viaggio a Pechino del segretario di Stato statunitense, Antony Blinken, è stato posticipato. Lo riporta l’agenzia Bloomberg, sottolineando che il rinvio è stato deciso…

3 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Michel: «L’Ucraina è l’Europa e l’Europa è Ucraina»

«L’Ucraina è l’Europa e l’Europa è l’Ucraina. Non siamo intimiditi dal Cremlino e non lo saremo». Così il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, intervenendo…

3 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Zelensky: «L’Ue sosterrà il nostro piano di pace»

«Nel corso dei nostri negoziati oggi abbiamo discusso l’attuazione del nostro piano di pace, che l’Ue sosterrà, perché è l’unico progetto comprensivo per recuperare l’architettura…

3 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Donbass non ancora protetto, operazione speciale continua»

«Il Donbass non è ancora completamente protetto, quindi l’operazione militare speciale continua». A ribadirlo è stato il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, secondo quanto riferito…

3 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia