È il Nord-ovest a trainare la ripresa post-pandemia | T-Mag | il magazine di Tecnè

È il Nord-ovest a trainare la ripresa post-pandemia

L’Istat spiega che in generale il recupero del Pil nel 2021 ha interessato in misura relativamente più accentuata le regioni del Nord rispetto a quelle del Centro e del Mezzogiorno

di Redazione

Nel 2021 il Prodotto interno lordo, misurato in volume, è aumentato a livello nazionale del 6,6%. Le stime preliminari indicano che la ripresa rispetto all’anno precedente, caratterizzato dagli effetti della crisi sanitaria da Covid-19, ha interessato in misura relativamente più accentuata le regioni del Nord rispetto a quelle del Centro e del Mezzogiorno. A dirlo è l’Istat nel report Stima preliminare del Pil e dell’occupazione territoriale.

Le regioni del Nord-ovest e quelle del Nord-est, spiega allora l’Istat, hanno entrambe evidenziato una crescita del Prodotto interno lordo più marcata della media nazionale: l’area del Nord-ovest ha fatto registrare la performance migliore, con un aumento del Pil pari al 7,4%, seguita dal Nord-est, dove l’aumento è stato del 7%. Nelle rimanenti aree la ripresa si è attestata su valori inferiori a quelli medi nazionali: in particolare nelle regioni del Mezzogiorno, che nel 2020 sembrano aver risentito della crisi in misura meno intensa delle altre, la crescita del Pil si è mantenuta quasi un punto percentuale più bassa rispetto alla media, fermandosi al 5,8%. La ripresa è stata solo lievemente più alta nelle regioni del Centro, con un incremento pari al 6%.

L’occupazione (misurata in termini di numero di occupati) è aumentata dello 0,6% a livello nazionale. Questo risultato è caratterizzato da una disomogeneità territoriale piuttosto marcata, che inverte la tradizionale dinamica dicotomica Nord-Sud del paese. La crescita più consistente si registra, infatti, nelle regioni del Mezzogiorno ( +1,3%), sensibilmente maggiore della media nazionale. Le altre regioni mostrano una dinamica dell’occupazione meno accentuata: la performance migliore si registra nel Nord-ovest, con un incremento dello 0,5% mentre si collocano su livelli di crescita ancora più bassi le regioni del Nord-est (+0,2%) e quelle del Centro (+0,3%).

Dalle Costruzioni il maggior contributo alla crescita

Nel Nord-ovest, come in tutte le restanti aree del paese, è il settore delle Costruzioni a trainare la ripresa economica, con un incremento del valore aggiunto del 22,8%, secondo solo a quello del Mezzogiorno. Importante in quest’area anche il contributo dell’Industria che segna un aumento del 12,8%. In linea con le variazioni medie nazionali risultano i settori del Commercio, pubblici esercizi, trasporti e telecomunicazioni (+9,4%), quello dei Servizi finanziari, immobiliari e professionali (+3,4%), e l’Agricoltura (-0,8%) mentre il settore degli Altri servizi registra qui la variazione più elevata del Paese (+1,1%).

Nel Nord-est il buon risultato delle Costruzioni (+18,5%) ha un’influenza sulla crescita complessiva del Pil relativamente minore rispetto alla media nazionale, mentre è l’Industria che fa registrare in quest’area la migliore performance a livello territoriale, con un incremento che si attesta al 13,1%. Positivo anche l’andamento del Commercio, pubblici esercizi, trasporti e telecomunicazioni (+9,9%). Al contrario, l’Agricoltura (-5,7%) e gli Altri servizi (-1,1%) sono i settori che in quest’area ottengono i risultati più modesti a livello ripartizionale.

Le regioni del Centro sono quelle in cui l’effetto propulsivo del settore delle Costruzioni risulta meno evidente: l’incremento del 16,3% è, infatti, quello relativamente più contenuto rispetto alle altre zone del paese. Risultati al di sotto delle medie nazionali in quest’area si registrano anche per l’Industria (+10,4%) e per l’Agricoltura (-3,5%), mentre in linea con le dinamiche medie risultano i settori del Commercio, pubblici esercizi, trasporti e telecomunicazioni (+9,8%), dei Servizi finanziari, immobiliari e professionali (+3,4%) e degli Altri servizi (+0,4%). 

Il Mezzogiorno, nonostante il risultato economico complessivo meno brillante rispetto al resto del paese, fa registrare le migliori performance territoriali assolute nei settori delle Costruzioni (+25,9%) e dell’Agricoltura, dove, con un incremento del 3,6%, risulta essere l’unica area in crescita del paese. Al contrario, l’Industria evidenzia in questa ripartizione la crescita meno dinamica (+8,7%), come pure il settore dei Servizi finanziari, immobiliari e professionali (+2,6%). Anche in termini di occupazione le Costruzioni sono il settore più dinamico, soprattutto nel Mezzogiorno (+11,1%) mentre al Centro segna l’incremento più contenuto (+2%). In crescita anche gli occupati nei Servizi finanziari, immobiliari e professionali, con i risultati migliori nel Centro (+2,3%) e nel Nord-est (+2%). Una lieve flessione dell’occupazione si registra invece per Agricoltura e Commercio, pubblici esercizi, trasporti e telecomunicazioni. Per quel che concerne il primo, ad emergere è il Nord-ovest, in controtendenza sul dato nazionale, con un aumento dell’1,4%, mentre per il secondo la migliore performance si rileva al Centro (+0,3%).

 

Scrivi una replica

News

Nell’Ue è stata abbassata l’età minima per usare WhatsApp

Nell’Unione europea e nel Regno Unito, l’età minima per utilizzare WhatsApp è stata abbassata da 16 a 13 anni. La modifica è stata decisa per…

12 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Pechino: «Usa svolgano un ruolo costruttivo in Medio Oriente»

«La Cina continuerà a svolgere un ruolo costruttivo nella risoluzione della questione del Medio Oriente e contribuirà a raffreddare la situazione. Gli Usa, in particolare,…

12 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mattarella: «Aiutare le giovani coppie, lo chiede la Costituzione»

«Il futuro del Paese si misura sulla capacità di dare risposte alle giovani generazioni. Occorre che le Istituzioni ne prendano coscienza, per attuare politiche attive…

12 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 85,88 dollari al barile e Brent a 90,95 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti 85,88 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 90,95 dollari.…

12 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia