L’economia cinese tra luci e ombre | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’economia cinese tra luci e ombre

Surplus commerciale da record, ma frenano le vendite al dettaglio. Sul PIL le stime ufficiali indicano un +5,5%, mentre gli organismi internazionali prevedono una crescita poco superiore al 4%

di Redazione

A giugno le esportazioni cinesi sono crescite in misura maggiore rispetto alle importazioni, comportando un aumento record del surplus commerciale. Secondo i dati diffusi dall’ufficio delle Dogane di Pechino, infatti, lo scorso mese le vendite verso l’estero sono salite del 17,9%, accelerando rispetto ai mese precedente e realizzando il miglior risultato degli ultimi cinque mesi. Al contrario l’import ha subito una forte decelerazione, passando dal 4,10% di maggio al +1%, a fronte del +3,9% stimato in precedenza. Di conseguenza il surplus commerciale è lievitato, arrivando a sfiorare i 100 miliardi di dollari: 97,94, dai 78,76 miliardi di maggio.

Nonostante non manchino i fattori di incertezza, legati soprattutto alla pandemia che negli ultimi mesi ha portato le autorità a istituire lockdown in diverse città del Paese, gli ultimi dati macroeconomici sulla Cina mostrano un paese tutto sommato in salute, con le stime ufficiali anche più ottimiste di quelle degli organismi internazionali.

Per esempio, mentre il Fondo Monetario Internazionale prevede un aumento medio del Prodotto Interno Lordo cinese del 4,75% nel biennio 2022-2023, Fitch un +4,3% e S&P’s un +4,2%, le stime di Pechino indicano un +5,5%, rivisto comunque al ribasso rispetto all’oltre +6% delle previsioni diffuse in precedenza a causa della contrazione della domanda, al peggioramento delle aspettative e alle difficoltà riscontrate nella supply chain. Gli ultimi dati reali disponibili indicano invece una crescita economica del 4,8% nel primo trimestre, contro il +4,4% delle attese.

Guardando altri dati macroeconomici il rallentamento cinese appare comunque evidente: ad aprile la produzione industriale ha registrato un calo tendenziale del 2,9%, dopo il +5% del mese precedente, mentre le vendite al dettaglio sono crollare dell’11% annuo, frenate anche dall’elevato indebitamento delle famiglie. In miglioramento il PMI manifatturiero, calcolato dall’Ufficio di statistica centrale, passato da 49,6 punti a 50,2 a giugno, riportando la prima crescita dell’attività economica degli ultimi sei mesi. Bene anche il PMI dei servizi, salito a 54,7 punti dai 47,8 di maggio: il miglior risultato dal maggio dello scorso anno.

 

Scrivi una replica

News

Spagna, a luglio l’inflazione è salita al 10,7% (+10% a giugno)

A luglio l’inflazione spagnola ha registrato un accelerazione rispetto al mese precedente: il dato si è attestato al +10,7% dal +10% di giugno. Le stime…

12 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, a giugno PIL in calo dello 0,6%: meno delle attese

A giugno il Prodotto Interno Lordo del Regno Unito è calato dello 0,6%, meno delle attese che indicavano un -1,2%. Su base annua, l’economia britannica…

12 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Turismo, Bankitalia: la spesa dei turisti stranieri è quintuplicata

Tra marzo e maggio, secondo le tavole statistiche sul Turismo internazionale, elaborate da Bankitalia, la spesa dei turisti stranieri in Italia è quintuplicata rispetto allo…

12 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siccità, in Inghilterra è stato dichiarato lo stato d’emergenza

Il Regno Unito ha dichiarato lo stato d’emergenza per la siccità che sta interessando l’Inghilterra. Coinvolta anche la capitale, Londra.…

12 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia