Rincari per la spesa alimentare: nove miliardi in più sul 2021 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Rincari per la spesa alimentare: nove miliardi in più sul 2021

Lo sostiene la Coldiretti, sottolineando che gli aumenti riguarderanno principalmente la verdura, il pane, la pasta e il riso

di Redazione

Caro energia e siccità. Questi due fattori incideranno pesantemente sulla spesa alimentare delle famiglie in Italia. Lo sostiene Coldiretti, pubblicando un’analisi, basata sui dati Istat sui consumi e sull’andamento dell’inflazione nei primi sette mesi dell’anno, che ha quantificato in nove miliardi di euro l’impatto sui bilanci degli italiani.

Secondo Coldiretti, verdura (+1,97 miliardi di euro rispetto al 2021); pane, pasta e riso (+1,65 miliardi) sono le voci che registreranno gli aumenti più significativi. In crescita anche il costo di carne e salumi (+1,54 miliardi).

Pur potendo contare su nuove tecniche e nuove tecnologie, che permettono di contenere i consumi energetici rispetto al passato, il comparto agricolo assorbe una grossa quantità di energia – oltre l’11% dei consumi industriali complessivi –, tra consumi diretti di energia (combustibili per trattori, trasporti, serre) e indiretti, tra cui i fertilizzanti e l’impiego di materiali come la plastica (7,7 Mtep). Altrettanto fa la filiera alimentare, impiegando «ingenti quantità di energia, soprattutto calore ed energia elettrica, per i processi di produzione, trasformazione, conservazione dei prodotti di origine animale e vegetale, funzionamento delle macchine e climatizzazione degli ambienti produttivi e di lavoro (8,6 Mtep)».

L’aumento del costo dell’energia sta colpendo «duramente» l’intera filiera agroalimentare, a partire dalle campagne, dove il 13% delle imprese agricole è in una situazione «così critica da portare alla cessazione dell’attività», ma oltre il 34% si trova comunque costretta in questo momento a lavorare in una condizione di reddito negativo per effetto dei rincari, secondo il Crea, il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria.

Coldiretti ha registrato aumenti dei costi per i concimi (+170%), dei mangimi (+90%), gasolio (+129%) ma anche quelli che riguardano l’intera filiera alimentare con il vetro che costa oltre il 30% in più rispetto al 2021, ma si è stato rilevato un incremento del 15% per il tetrapack, del 35% per le etichette, del 45% per il cartone, del 60% per i barattoli di banda stagnata, fino ad arrivare al 70% per la plastica.

Alle difficoltà dovute al caro energia, si sommano quelle causate dalla siccità che ha devastato i raccolti causando perdite per 6 miliardi di euro, pari al 10% della produzione.

 

Scrivi una replica

News

Pnrr, Meloni: «Alla sinistra rispondiamo con i fatti»

«Ai catastrofismi di sinistra abbiamo risposto con fatti e risultati». Il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, commenta così la valutazione di medio termine sul Pnrr,…

22 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tajani: «Non siamo in guerra con Mosca, ma non deve vincere»

«Noi lavoriamo per la pace e impedire che ci sia una vittoria della Russia, noi vogliamo una pace giusta che significa il rispetto del diritto…

22 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Caso Assange, attesa per la decisione dei giudici su estradizione

C’è da attendere ancora un po’ prima di conoscere la decisione dei giudici sulla richiesta di estradizione dal Regno Unito agli Usa del cofondatore di…

22 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Guerra a Gaza, Hamas: «Presto possibili progressi nei negoziati»

Progressi nei negoziati sul cessate il fuoco e la liberazione degli ostaggi potrebbero esserci presto. A sostenerlo è stato Musa Abu Marzouk, numero due dell’ufficio…

22 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia