Eurozona: ad agosto attività delle imprese in calo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Eurozona: ad agosto attività delle imprese in calo

In diminuzione anche i nuovi ordini. In Germania i risparmi accumulati in pandemia sono stati erosi (anche) dall’inflazione

di Redazione

Ad agosto 2022, l’attività delle imprese nell’Eurozona ha rallentato per la seconda volta consecutiva, dopo un periodo di crescita durato 16 mesi. In diminuzione anche i nuovi ordini. Secondo la lettura flash, l’Indice destagionalizzato S&P Global PMI Composito della Produzione dell’Eurozona è sceso a 49,2 punti in agosto, dal 49,9 di luglio. Il calo complessivo della produzione è stato trainato dalla performance negativa del settore manifatturiero con l’indice Pmi, da 49,8 a 49,7, ai minimi da 26 mesi, mentre l’indice Pmi servizi è passato a 50,2 da 51,2, il valore più basso da 17 mesi. 

Il calo della produzione ha coinvolto diversi settori. L’elenco è piuttosto lungo e comprende il comparto automobilistico, quello turistico e immobiliare. «Le pressioni sul costo della vita fanno sì che la ripresa del settore dei servizi, dopo l’abolizione delle restrizioni per la pandemia, si sia affievolita, mentre l’industria manifatturiera è rimasta impantanata nella contrazione ad agosto, con un altro accumulo record di scorte di prodotti finiti, poiché le imprese non sono state in grado di liberarsi dei prodotti in un contesto di calo della domanda», il commento di Andrew Harker, economics director di S&P Global Market Intelligence, secondo il quale «questo accumulo di scorte suggerisce che non ci sono molte prospettive di miglioramento della produzione manifatturiera nell’immediato futuro. Il resto del 2022 si prospetta quindi come un periodo di difficoltà per le imprese dell’Eurozona». 

In generale, comunque, l’inflazione resta lo “spauracchio” principale dell’attuale contesto economico. Nell’area dell’euro, l’indice è salito dall’8,6% di giugno all’8,9% di luglio. In Germania, stando a quanto sostenuto dall’IFO Insitute, i risparmi accumulati dai tedeschi durante la pandemia (circa 70 miliardi di euro) sono stati erosi «quasi completamente entro la fine del primo trimestre del 2022», anche a causa dell’inflazione. L’IFO sottolinea che «i prezzi al consumo continueranno a salire bruscamente» e ieri la Bundesbank, la banca centrale tedesca, ha annunciato che l’inflazione potrebbe schizzare al 10%. «Questo significa che i consumi privati non riusciranno a trainare l’economia tedesca per il resto dell’anno», la conclusione dell’IFO.

 

Scrivi una replica

News

Petrolio, l’Opec+ taglierà la produzione di due milioni di barili al giorno

L’OPEC+ – l’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (più la Russia) – taglierà la produzione di due milioni di barili al giorno a partire da…

5 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Premio Nobel per la Chimica a Bertozzi, Meldal e Sharpless

Carolyn R. Bertozzi, Morten Meldal e K. Barry Sharpless hanno vinto il premio Nobel per la Chimica 2022 «per lo sviluppo della “chimica a scatto”…

5 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

L’Ue da il via libera a nuove sanzioni: c’è anche il price cap al petrolio

Accordo tra i 27 sul nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia, incluso il price cap al petrolio.…

5 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Stime Pil II trimestre da +4,7% a +5%»

Nel secondo trimestre del 2022 il prodotto interno lordo (Pil), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2015, corretto per gli effetti di calendario…

5 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia