Save The Children: «In Italia il tasso di abbandono scolastico è al 12,7%» | T-Mag | il magazine di Tecnè

Save The Children: «In Italia il tasso di abbandono scolastico è al 12,7%»

In Italia, il 12,7% degli studenti non consegue il diploma perché abbandona anticipatamente gli studi. Lo denuncia un rapporto di Save The Children, “Alla ricerca del tempo perduto”, tracciando un quadro che dovrebbe suscitare un po’ di preoccupazione. C’è una quota consistente di diplomati – il 9,7%, circa un diplomato su dieci nel 2022 – «senza le competenze minime necessarie per entrare nel mondo del lavoro o dell’Università». Nel report, Save The Children la definisce «dispersione implicita», sottolineando che esiste una corrispondenza tra quest’ultima, il livello di apprendimento e alcuni indicatori strutturali. Dall’analisi dei dati emerge infatti che nelle province dove si registra l’indice di «dispersione implicita» più basso, le scuole primarie hanno assicurato ai bambini maggior offerta di tempo pieno (frequentato dal 31,5% degli studenti contro il 24,9% nelle province ad alta dispersione), maggior numero di mense (il 25,9% delle scuole contro il 18,8%), di palestre (42,4% contro 29%) e sono inoltre dotate di certificato di agibilità (47,9% contro 25,3%). Esistono forti disparità a livello territoriale: l’abbandono scolastico e la «dispersione implicita» sono maggiormente diffuse nelle regioni meridionali. Nella maggioranza delle regioni del Sud, l’abbandono scolastico tocca percentuali superiori alla media nazionale, con picchi in Sicilia (21,1%), Puglia (17,6%), Campania (16,4%) e Calabria (14%). La «dispersione implicita» risulta più alta in Campania, al 19,8%. Se si approfondiscono le competenze nelle singole materie, utilizzando i risultati dei test Invalsi, si scopre che in alcune regioni meridionali (Campania, Calabria, Sicilia) oltre il 60% degli studenti non raggiunge il livello base delle competenze in italiano. Difficoltà anche in matematica: il 70% degli studenti campani, calabresi, siciliani e sardi non possiede le competenze base. Save The Children conclude, ricordando che il 23,1% dei 15-29enni in Italia è un Neet, poiché non lavora, né studia o segue corsi di formazione. Si tratta del numero più alto nell’Unione europea, oltre il doppio di Francia e Germania.

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Austin: «Se Kiev cade, la Nato entrerà in guerra con Mosca»

«Se l’Ucraina cade, credo davvero che la Nato entrerà in guerra con la Russia». Questa la convinzione del segretario statunitense alla Difesa, Lloyd Austin, espressa…

1 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Israele-Hamas, ora si teme uno stop ai negoziati

L’indomani della strage in cui almeno 112 palestinesi sono morti e in centinaia sono rimasti feriti mentre aspettavano gli aiuti alimentari a Gaza, ci si…

1 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, in migliaia per l’ultimo saluto a Navalny

Code fuori la chiesa dell’icona della Madre di Dio di Mosca, in migliaia per l’ultimo saluto, imponente schieramento di polizia fin dalla mattina, applausi. E…

1 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

A febbraio comparto manifatturiero italiano in contrazione

A febbraio il comparto manifatturiero italiano ha registrato l’undicesima contrazione consecutiva: l’indice Hboc Global Purchasing Managers’ Index (Pmi) per il settore manifatturiero italiano è salito…

1 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia