Fondazione Gimbe: nuovi casi in calo nella settimana 7-13 settembre | T-Mag | il magazine di Tecnè

Fondazione Gimbe: nuovi casi in calo nella settimana 7-13 settembre

Contagi in calo, da quattro settimane consecutive. Lo rileva la Fondazione Gimbe, che monitora indipendentemente l’andamento della pandemia e della campagna vaccinale nel nostro Paese, esprimendo qualche preoccupazione per «il piano predisposto per l’anno scolastico», che «appare inadeguato». Nella settimana tra il 7 e il 13 settembre i contagi sono diminuiti del 12,9%. Altrettanto hanno fatto i ricoveri in terapia intensiva (-11,9%) e quelli ordinari (-13,3%). In calo anche i decessi (-14,3%). «Da quattro settimane consecutive prosegue la lenta discesa dei nuovi casi settimanali che si attestano intorno a quota 108 mila, con una media mobile a 7 giorni di circa 15 mila casi al giorno», ha osservato il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta, commentando i dati. Il calo coinvolge quasi tutte le regioni – in 18 Regioni si registra un calo percentuale dei nuovi casi, dal -4,8% del Piemonte al -31,5% della Calabria –, ad eccezione della Provincia Autonoma di Bolzano (+0,2%), Toscana (+1,1%) e Umbria (+4%). L’incidenza rimane sotto i 500 casi per 100.000 abitanti in tutte le Province: dai 76 casi per 100.000 abitanti di Barletta-Andria-Trani ai 338 di Pescara. «Nel vortice della campagna elettorale», il tema della riapertura in sicurezza delle scuole «non ha ricevuto l’attenzione necessaria», ha aggiunto Cartabellotta. «Il piano predisposto per l’anno scolastico 2022-23 appare inadeguato non tanto per le misure previste, quanto per le raccomandazioni spesso generiche e, soprattutto, per le eccessive responsabilità scaricate sulle scuole, prive delle necessarie risorse e competenze sanitarie. Il rischio è quello di un impatto rilevante sulla circolazione virale e sulla salute pubblica, ma anche sui giorni di scuola perduti», ha concluso.

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Austin: «Se Kiev cade, la Nato entrerà in guerra con Mosca»

«Se l’Ucraina cade, credo davvero che la Nato entrerà in guerra con la Russia». Questa la convinzione del segretario statunitense alla Difesa, Lloyd Austin, espressa…

1 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Israele-Hamas, ora si teme uno stop ai negoziati

L’indomani della strage in cui almeno 112 palestinesi sono morti e in centinaia sono rimasti feriti mentre aspettavano gli aiuti alimentari a Gaza, ci si…

1 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, in migliaia per l’ultimo saluto a Navalny

Code fuori la chiesa dell’icona della Madre di Dio di Mosca, in migliaia per l’ultimo saluto, imponente schieramento di polizia fin dalla mattina, applausi. E…

1 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

A febbraio comparto manifatturiero italiano in contrazione

A febbraio il comparto manifatturiero italiano ha registrato l’undicesima contrazione consecutiva: l’indice Hboc Global Purchasing Managers’ Index (Pmi) per il settore manifatturiero italiano è salito…

1 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia