Anche la Germania è in difficoltà | T-Mag | il magazine di Tecnè

Anche la Germania è in difficoltà

La banca centrale tedesca prevede un’inflazione al 10% nel breve periodo e l’entrata in recessione nel corso dei mesi invernali

di Redazione

Continuano a crescere i prezzi alla produzione in Germania, con le rilevazioni ufficiali che per il mese di agosto indicano un aumento mensile del 7,9% e un +45,8% tendenziale, contro il +1,6%  e il+37,1% previsto dagli economisti.

Il dato diffuso oggi preoccupa non poco visto l’allarme lanciato lunedì dalla Bundesbank, che vede un’inflazione vicina al 10% nel breve periodo e l’entrata in recessione nel corso dei mesi invernali. «Ci sono crescenti segnali di recessione nell’economia tedesca – si legge nell’outlook mensile diffuso dalla banca centrale tedesca – e vanno in direzione di un declino significativo, ampio e duraturo della produzione economica».

Mentre nel secondo trimestre il Prodotto Interno Lordo della Germania è aumentato dello 0,1%, per il terzo ed il quarto si prevede ora una contrazione. «L’elevata inflazione e l’incertezza per quanto riguarda l’approvvigionamento energetico e i suoi costi – avverte la Bundesbank – non stanno influenzando solo l’industria del gas e dell’elettricità, nonché le sue attività di esportazione e gli investimenti, ma anche i consumi privati e i fornitori di servizi che ne dipendono sono interessati».

Ad oggi, secondo le ultime rilevazioni di Standard&Poor’s Global sull’andamento dell’attività economica del settore privato dell’Eurozona, la Germania è vista come la causa principale del declino generale dell’attività dell’area euro. A luglio, infatti, l’indice PMI composito tedesco si è attestato a 46.9 punti, toccando il livello più basso degli ultimi 27 mesi, riportando la più elevata contrazione dell’attività dalla prima ondata della pandemia da Covid-19.

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Austin: «Se Kiev cade, la Nato entrerà in guerra con Mosca»

«Se l’Ucraina cade, credo davvero che la Nato entrerà in guerra con la Russia». Questa la convinzione del segretario statunitense alla Difesa, Lloyd Austin, espressa…

1 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Israele-Hamas, ora si teme uno stop ai negoziati

L’indomani della strage in cui almeno 112 palestinesi sono morti e in centinaia sono rimasti feriti mentre aspettavano gli aiuti alimentari a Gaza, ci si…

1 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, in migliaia per l’ultimo saluto a Navalny

Code fuori la chiesa dell’icona della Madre di Dio di Mosca, in migliaia per l’ultimo saluto, imponente schieramento di polizia fin dalla mattina, applausi. E…

1 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

A febbraio comparto manifatturiero italiano in contrazione

A febbraio il comparto manifatturiero italiano ha registrato l’undicesima contrazione consecutiva: l’indice Hboc Global Purchasing Managers’ Index (Pmi) per il settore manifatturiero italiano è salito…

1 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia