Gli italiani nel mondo, cosa dice il rapporto Migrantes | T-Mag | il magazine di Tecnè

Gli italiani nel mondo, cosa dice il rapporto Migrantes

A lasciare l’Italia sono soprattutto i più giovani, maschi e provenienti dal Mezzogiorno. L’Europa rimane la destinazione preferita

di Redazione

La pandemia ha influenzato i flussi migratori dall’Italia, rallentandoli, ma non ha bloccato il fenomeno. Che coinvolge soprattutto i più giovani. Lo rileva il “Rapporto Italiani nel Mondo” realizzato dalla Fondazione Migrantes della Conferenza Episcopale Italiana, alla sua XVII edizione.

https://www.healthtalents.org/levothroid.php

Foto di Stela Di da Pixabay

Stando ai dati aggiornati al 1° gennaio del 2022, i cittadini italiani iscritti all’Aire, l’Anagrafe degli italiani all’estero, erano 5,8 milioni, il 48% dei quali è donna – circa 2,8 milioni, in valore assoluto –, pari al 9,8% degli oltre 58,9 milioni di italiani che invece risiedono in Italia. Che ha perso lo 0,5% della popolazione residente nell’arco degli ultimi dodici mesi (un calo che raggiunge l’1,1%, se lo si calcola dal 2020). Contestualmente all’estero è cresciuta del 2,7% nell’ultimo anno e del 5,8% dal 2020.

La Fondazione Migrantes ha tracciato anche l’identikit degli italiani che sono espatriati l’anno scorso: sono prevalentemente maschi (il 54,7% del totale) e hanno meno di 35 anni (il 41,6%).

La «mobilità giovanile» è in costante crescita, dunque. E il rapporto spiega anche il perché, osservando che «l’Italia ristagna nelle sue fragilità, e ha definitivamente messo da parte la possibilità per un individuo di migliorare il proprio status durante il corso della propria vita accedendo a un lavoro certo, qualificato e abilitante (ascensore sociale); continua a mantenere i giovani confinati per anni in “riserve di qualità e competenza” a cui poter attingere, ma il momento non arriva mai».

Il rapporto risponde anche ad altre domande: da dove partono gli emigrati? Quali sono le loro mete? Ebbene il 47% lascia il Mezzogiorno, il 37% il Nord. Si ferma invece al 16% la quota di chi parte dal Centro. L’Europa rimane la destinazione finale preferita – l’ha scelta il 78,6% –, a dispetto delle Americhe, raggiunte dal 14,7%, mentre il restante 6,7% degli emigrati si è diviso tra Asia, Africa e Oceania.

Nel complesso, il 54,9%, circa 3,2 milioni, vive in Europa, il 40% (oltre 2,3 milioni) in America, centro-meridionale soprattutto (più di 1,8 milioni).

Le comunità italiane all’estero più numerose sono, ad oggi, quella argentina (903mila italiani), tedesca (813.650), la svizzera (648.320), la brasiliana (527.900) e la francese (457.138).

Ormai da anni, la Lombardia e il Veneto (rispettivamente con un quinto e l’11,7% del totale) sono le regioni dove si registrano il numero più alto di partenze. A seguire Sicilia (9,3%), Emilia-Romagna (8,3%) e la Campania (7,1%). Nel riferire questi dati, il rapporto sottolinea che circa 16 mila lombardi, dei circa 10 mila veneti o dei 7 mila emiliano-romagnoli molti sono originari delle regioni meridionali.

 

Scrivi una replica

News

Ue: «A dicembre proposta su fatturazione elettronica»

«Gli Stati membri hanno perso 93 miliardi di euro di mancate entrate Iva nel 2020. In un momento in cui le esigenze di investimento continuano…

28 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Svimez: «Mezzogiorno in recessione nel 2023, Pil -0,4%»

«Nel 2023 il Mezzogiorno rischia la recessione con un Pil che potrebbe contrarsi fino a -0,4% contro il +2,9% di quest’anno». E’ quanto emerge dalle…

28 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Borrell: «Putin vuole rendere l’Ucraina un buco nero»

«Dobbiamo aumentare il nostro sostegno all’Ucraina. Putin continua a bombardare l’Ucraina. Continua a cercare di rendere l’Ucraina un buco nero, senza luce, senza elettricità, senza riscaldamento. Per…

28 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Zelensky: «I russi preparano nuovi attacchi»

«Sappiamo che i terroristi stanno preparando nuovi attacchi e che, finché avranno i missili, non si fermeranno. La prossima settimana può essere dura come quella…

28 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia