Gli italiani nel mondo, cosa dice il rapporto Migrantes | T-Mag | il magazine di Tecnè

Gli italiani nel mondo, cosa dice il rapporto Migrantes

A lasciare l’Italia sono soprattutto i più giovani, maschi e provenienti dal Mezzogiorno. L’Europa rimane la destinazione preferita

di Redazione

La pandemia ha influenzato i flussi migratori dall’Italia, rallentandoli, ma non ha bloccato il fenomeno. Che coinvolge soprattutto i più giovani. Lo rileva il “Rapporto Italiani nel Mondo” realizzato dalla Fondazione Migrantes della Conferenza Episcopale Italiana, alla sua XVII edizione.

Stando ai dati aggiornati al 1° gennaio del 2022, i cittadini italiani iscritti all’Aire, l’Anagrafe degli italiani all’estero, erano 5,8 milioni, il 48% dei quali è donna – circa 2,8 milioni, in valore assoluto –, pari al 9,8% degli oltre 58,9 milioni di italiani che invece risiedono in Italia. Che ha perso lo 0,5% della popolazione residente nell’arco degli ultimi dodici mesi (un calo che raggiunge l’1,1%, se lo si calcola dal 2020). Contestualmente all’estero è cresciuta del 2,7% nell’ultimo anno e del 5,8% dal 2020.

La Fondazione Migrantes ha tracciato anche l’identikit degli italiani che sono espatriati l’anno scorso: sono prevalentemente maschi (il 54,7% del totale) e hanno meno di 35 anni (il 41,6%).

La «mobilità giovanile» è in costante crescita, dunque. E il rapporto spiega anche il perché, osservando che «l’Italia ristagna nelle sue fragilità, e ha definitivamente messo da parte la possibilità per un individuo di migliorare il proprio status durante il corso della propria vita accedendo a un lavoro certo, qualificato e abilitante (ascensore sociale); continua a mantenere i giovani confinati per anni in “riserve di qualità e competenza” a cui poter attingere, ma il momento non arriva mai».

Il rapporto risponde anche ad altre domande: da dove partono gli emigrati? Quali sono le loro mete? Ebbene il 47% lascia il Mezzogiorno, il 37% il Nord. Si ferma invece al 16% la quota di chi parte dal Centro. L’Europa rimane la destinazione finale preferita – l’ha scelta il 78,6% –, a dispetto delle Americhe, raggiunte dal 14,7%, mentre il restante 6,7% degli emigrati si è diviso tra Asia, Africa e Oceania.

Nel complesso, il 54,9%, circa 3,2 milioni, vive in Europa, il 40% (oltre 2,3 milioni) in America, centro-meridionale soprattutto (più di 1,8 milioni).

Le comunità italiane all’estero più numerose sono, ad oggi, quella argentina (903mila italiani), tedesca (813.650), la svizzera (648.320), la brasiliana (527.900) e la francese (457.138).

Ormai da anni, la Lombardia e il Veneto (rispettivamente con un quinto e l’11,7% del totale) sono le regioni dove si registrano il numero più alto di partenze. A seguire Sicilia (9,3%), Emilia-Romagna (8,3%) e la Campania (7,1%). Nel riferire questi dati, il rapporto sottolinea che circa 16 mila lombardi, dei circa 10 mila veneti o dei 7 mila emiliano-romagnoli molti sono originari delle regioni meridionali.

 

Scrivi una replica

News

Russia, Mosca ha riconosciuto la responsabilità dello Stato islamico nell’attentato al Crocus City Hall di Mosca

Per la prima volta, la Russia ha riconosciuto al responsabilità del gruppo terrorista Stato islamico nell’attacco al Crocus City Hall di Mosca, costato la vita…

24 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

L’Aja ordina a Israele di sospendere le operazioni a Rafah

La Corte suprema internazionale di Giustizia ha ordinato ad Israele di sospendere le operazioni militari a Rafah, nella Striscia di Gaza. Un ordine che Tel…

24 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Zelensky potrebbe partecipare al G7 in Italia

Il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, potrebbe partecipare al G7 a Roma, dopo aver preso parte alla commemorazione del D-Day del mese prossimo, in Francia. Lo…

24 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurispes: «Il 57,4% della popolazione arriva a fine mese tra grandi difficoltà»

Rispetto al 2023, alcuni indicatori sulla situazione economica delle famiglie hanno registrato un timido miglioramento, nonostante ciò il 57,4% della popolazione arriva a fine mese…

24 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia