L’incertezza frena l’economia, Eurozona verso la recessione tecnica | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’incertezza frena l’economia, Eurozona verso la recessione tecnica

La Commissione europea stima per l’Italia una crescita del Pil nel 2022 al 3,8%, tagliate invece le previsioni per il 2023 (solo +0,3%)

di Redazione

Recessione tecnica nei prossimi due trimestri, vale a dire fine 2022 e inizio 2023. È quanto prevede la Commissione europea, che oggi, venerdì 11 novembre, ha pubblicato le stime economiche relativa all’Eurozona. Nel complesso, in ogni caso, la crescita dell’economia per quest’anno sarà del 3,2% (meglio del 2,6% riportato nella precedente stima), ma appena dello 0,3 nel 2023: una previsione, quest’ultima, al ribasso rispetto all’1,4% prospettato a luglio.

Foto di Hans da Pixabay

La revisione delle stime è in qualche misura condizionato dai fattori di incertezza che stanno caratterizzando l’attuale ciclo economico, in particolare gli effetti sulla domanda globale della guerra in Ucraina e la maggiore inflazione.

Per quanto riguarda l’Italia, la Commissione europea ha invece rivisto al rialzo le attese sulla crescita del Pil nel 2022, stimata ora al 3,8%, rispetto al 2,9% delle previsioni di luglio. Viene tagliata, invece, la stima sul 2023 con un Pil italiano atteso in crescita dello 0,3% rispetto allo 0,9% indicato in precedenza. Per il 2024 l’attesa è che il Pil italiano torni a salire, portandosi a +1,1% (nello stesso periodo l’Eurozona dovrebbe invece crescere dell’1,5%).

Nelle previsioni economiche d’autunno Bruxelles, inoltre, ritiene che l’inflazione nel nostro paese si attesti per quest’anno all’8,7%, per poi scendere al 6,6% nel 2023 e al 2,3% nel 2024.

 

Scrivi una replica

News

«Durante la pandemia il 13% degli over 45 ha provato depressione per la prima volta»

Il biennio pandemico ha messo a dura prova la salute mentale di molte persone. Lo conferma uno studio coordinato dall’Università di Toronto, in Canada, pubblicato…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inquinamento: nel 2020, nell’Ue, 238 mila morti premature a causa dell’inquinamento da polvere sottili

Nel 2020, nell’Unione europea, sono state registrate 238 mila morti premature a causa dell’inquinamento da polvere sottili. Lo denuncia l’Aee, l’Agenzia europea dell’ambiente, sottolineando che…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stoltenberg: «Putin sta fallendo, per questo compie attacchi brutali»

«Vladimir Putin sta fallendo in Ucraina e dunque procede con maggiore brutalità, attaccando gli obiettivi civili, privando le persone di luce, acqua e cibo: per…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cremlino: «Kiev non riconquisterà la Crimea»

«L’Ucraina non riconquisterà la Crimea». Lo ha affermato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, citato dalla Tass, rispondendo a quanto affermato dal presidente ucraino Volodymyr…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia