Per il FMI le prospettive economiche globali si sono incupite | T-Mag | il magazine di Tecnè

Per il FMI le prospettive economiche globali si sono incupite

Solo un mese fa il Fondo Monetario Internazionale aveva tagliato le stime di crescita del 2023 al 2,7%

di Redazione

A ottobre il Fondo Monetario Internazionale aveva diffuso il World Economic Outlook, tagliando la crescita globale al 3,2% nel 2022 e al 2,7% nel 2023, indicando un’inflazione all’8,8% nel 2022 e al 6,5% l’anno a seguire e spiegando già un mese fa che «la crisi del costo della vita, l’inasprimento delle condizioni finanziarie nella maggior parte delle regioni, l’invasione russa dell’Ucraina e la persistente pandemia di COVID-19 pesano tutti pesantemente sulle prospettive».

Foto di jannonivergall da Pixabay

Prospettive che in queste ultime settimane sono peggiorate ulteriormente. In occasione del G20 al via il 15 novembre in Indonesia, il Fondo Monetario Internazionale ha infatti pubblicato una relazione sullo stato dell’attività economica del globo, in cui si legge che oggi le prospettive sono più cupe di quanto non fossero un mese fa.

Secondo il FMI, infatti, «una quota crescente di paesi del G20 è passata dal trovarsi in territorio di espansione all’inizio dell’anno a livelli che segnalano contrazione. Ciò vale sia per le economie di mercato avanzate che per quelle emergenti, sottolineando la natura globale del rallentamento».

Mentre le ultime letture dei PIL di alcune economie, sottolinea il FMI, hanno sorpreso mostrando rialzi inaspettati, a preoccupare, spiega il Fondo Monetario Internazionale, sono stati gli ultimi rilasci dei PMI, che  ad ottobre, soprattutto in Europa, hanno segnalato un rallentamento.

Nonostante ciò, secondo l’istituzione con sede a Washington, «i responsabili politici dovrebbero continuare a dare la priorità al contenimento dell’inflazione, che sta contribuendo a una crisi del costo della vita, danneggiando maggiormente i gruppi a basso reddito e vulnerabili».

Tuttavia, sottolineano i tecnici, «è probabile che in molti paesi sia necessaria una continua stretta fiscale e monetaria per ridurre l’inflazione e affrontare le vulnerabilità del debito, e prevediamo un’ulteriore stretta in molte economie del G20 nei prossimi mesi», con il rischio che queste azioni continuino a pesare sull’attività economia, soprattutto in quei settori, come l’edilizia abitativa, sensibili all’andamento degli interessi.

 

Scrivi una replica

News

Ilo: «Italia peggiore nel G20 per salari reali, -12% da 2008»

I salari in Italia sono più bassi del 12% rispetto al 2008 in termini reali. E’ quanto emerge dal Global Wage Report 2022-23 presentato dall’Ilo,…

2 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giorgetti: «Centreremo gli obiettivi entro fine anno»

«In questi giorni, stiamo lavorando intensamente per conseguire i 55 obiettivi del II semestre 2022, per poter presentare a Bruxelles la terza richiesta di pagamento…

2 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bonomi: «Per flat tax e prepensionamenti penalizzate le imprese»

«Le risorse mancate per gli investimenti delle imprese si devono anche al fatto che una parte delle risorse a disposizione, al netto degli interventi sull’energia,…

2 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bce, Lagarde: «Fondamentale riportare l’inflazione al target 2%»

«La Bce, date le incertezze sull’economia globale e la volatilità dei prezzi, deve assicurare che in tutti gli scenari l’inflazione tornerà al nostro obiettivo velocemente».…

2 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia