Commercio con l’estero, a settembre export +1,6% | T-Mag | il magazine di Tecnè

Commercio con l’estero, a settembre export +1,6%

Le esportazioni tornano a crescere, trainate dalle vendite verso i paesi extra UE. L’aumento su base annua è del 21,6% in termini monetari

di Redazione

A settembre 2022, l’Istat stima una crescita congiunturale per le esportazioni (+1,6%) e una flessione per le importazioni (-1,7%). L’aumento su base mensile dell’export è dovuto all’incremento delle vendite verso i mercati extra UE (+6%), mentre le esportazioni verso l’area UE sono in diminuzione (-2,2%). Nel terzo trimestre del 2022, rispetto al precedente, l’export cresce del 2,7%, l’import del 7,5%.

Photo by Kurt Cotoaga on Unsplash

Nello stesso periodo di riferimento, prosegue l’Istat, l’export cresce su base annua del 21,6% in termini monetari e del 2,1% in volume. La crescita dell’export in valore è più sostenuta verso i mercati extra UE (+27,2%) rispetto all’area UE (+17,1%). L’import in valore registra un incremento tendenziale del 40,4% – molto più intenso per l’area extra UE (+59%) rispetto all’area UE (+25,2%) –, mentre in volume resta sostanzialmente invariato (-0,5%).

Tra i settori che contribuiscono maggiormente all’aumento tendenziale dell’export si segnalano: articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+36,2%), macchinari e apparecchi (+13,9%), metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (+15,5%) e prodotti alimentari, bevande e tabacco (+19,8%).

Su base annua, i paesi che forniscono i contributi maggiori all’incremento dell’export nazionale sono: Stati Uniti (+48,6%), Francia (+18,8%), Germania (+14,8%) e paesi OPEC (+49,1%). Si accentua la flessione dell’export verso la Russia (-34,6%) e diminuiscono anche le vendite verso il Belgio (-5,7%).

Nei primi nove mesi del 2022, la crescita tendenziale delle esportazioni (+21,1%) è dovuta in particolare all’aumento delle vendite di articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+45,8%), metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (+20,2%), prodotti petroliferi raffinati (+100,6%), sostanze e prodotti chimici (+24,3%) e prodotti alimentari, bevande e tabacco (+18,6%).

A settembre 2022 il disavanzo commerciale è pari a -6.454 milioni di euro, a fronte di un avanzo di 1.440 milioni dello stesso mese del 2021. Il deficit energetico raggiunge, in valore assoluto, i 12.435 milioni (era -4.529 milioni un anno prima), ma l’avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici, pari a 5.982 milioni, è elevato e sul livello di settembre 2021 (5.969 milioni). Nel mese di settembre, inopltre, i prezzi all’importazione crescono dello 0,1% su base mensile e del 20,3% su base annua (era +21,5% ad agosto).

«A settembre – è il commento dell’Istat –, l’export torna a crescere su base mensile, trainato dalle vendite verso i paesi extra UE. Nella media del terzo trimestre 2022, la dinamica congiunturale è positiva sebbene in decelerazione (+2,7%, da +6,0% del secondo trimestre). Su base annua, la crescita dell’export interessa tutti i settori e quasi tutti i principali paesi partner; quella dell’import, per metà dovuta alla componente energetica, rallenta e si riporta sui livelli di aprile. Nei primi nove mesi dell’anno, il disavanzo commerciale supera i 31 miliardi, condizionato da un deficit energetico di oltre 85 miliardi; un contributo negativo deriva anche dai beni intermedi, con un deficit di quasi 19 miliardi. Sono le dinamiche in attenuazione dei prezzi dei prodotti energetici e dei beni intermedi a spiegare il rallentamento della crescita tendenziale dei prezzi all’import».

 

Scrivi una replica

News

M.O., Tajani: «Italia vuole riconoscere lo Stato palestinese»

L’Italia «vuole riconoscere lo Stato di palestinese e al premier dell’autorità palestinese, venuto in visita nel nostro Paese sabato come prima tappa della sua missione…

30 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

«In Italia circa un giovane tra i 15 e i 16 anni su dieci vive in condizione di povertà»

In Italia circa un giovane tra i 15 e i 16 anni su dieci vive in condizione di povertà. Si tratta di 100mila, tra ragazzi…

30 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mercato del lavoro, nell’Eurozona tasso di disoccupazione al 6,4%

Ad aprile, il tasso di disoccupazione destagionalizzato dell’area euro si è attestato al 6,4%, in calo rispetto al 6,5% di marzo 2024. Nell’Ue, invece, l’indicatore è rimasto stabile…

30 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nel 2021 l’Ue è stata la terza economia mondiale, dopo Cina e USA

Secondo quanto emerso dal Programma di confronto internazionale (ICP) nel 2021, il Prodotto Interno Lordo dell’UE rappresentava il 15,2% del PIL mondiale se espresso in standard di potere d’acquisto (SPA). La più…

30 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia